Lia

Lia

  • No SVG support
    Paese: Indonesien
  • No SVG support
    Età: 7
  • No SVG support
    Genere : Bambina
Sostieni Lia oggi

FILIPPINE: Epicentro globale del commercio di abusi sessuali online.

L’UNICEF riferisce che le Filippine sono diventate l’epicentro globale del commercio di abusi sessuali online. Nell’era del Covid-19, molte attività criminali si stanno spostando online, approfittando dell’aumento del tempo che le persone passano connesse a casa. Questo ha aumentato la domanda da parte dei perpetratori all’estero, in un momento in cui i bambini continuano ad essere ad alto rischio di sfruttamento.

Cos'è l'OSEC e perché le Filippine?

L’OSEC è un crimine crescente basato su internet, dove gli abusi o gli atti osceni contro i bambini sono trasmessi in streaming ai predatori di tutto il mondo. Dall’altra parte della chiamata ci sono i pedofili negli Stati Uniti, in Canada, in Australia e in altre nazioni sviluppate, che pagano i “facilitatori” per abusare sessualmente dei bambini attraverso il live streaming online. I facilitatori locali possono essere gruppi di trafficanti, ma purtroppo sono anche parenti e persino genitori dei bambini vittime.

I facilitatori gestiscono le transazioni online e convincono e costringono i bambini a conformarsi. International Justice Mission (IJM) nelle Filippine ritiene che l’OSEC sia “la forma più oscura di sfruttamento contro i nostri bambini perché coinvolge i membri della famiglia”. “Circa il 38% delle volte, i genitori sono coinvolti”, ha detto Alex Mallillin, un rappresentante di IJM nelle Filippine. L’IJM ritiene che le Filippine siano un punto caldo per l’OSEC a causa dell’ampio uso dell’inglese, delle connessioni internet facili ed economiche, dei telefoni cellulari di seconda mano poco costosi, dei diffusi sistemi di trasferimento di denaro internazionale e, cosa più vitale di tutte, della pressante povertà che è stata persino aumentata dalla pandemia. 

OSEC promette denaro rapido: una famiglia in povertà potrebbe guadagnare in una settimana quello che normalmente non potrebbe fare in un anno.

Nel luglio 2018, Compassion Filippine, ha iniziato a collaborare con IJM per combattere insieme lo sfruttamento sessuale online dei bambini.

"Sono consapevole del fatto che i bambini di cui ci occupiamo - i bambini in povertà - sono gli stessi bambini che vengono presi di mira dagli autori di OSEC perché sono poveri e disperati"

Noel Pabiona, direttore nazionale di Compassion nelle Filippine.

Cos'è l'OSEC e perché le Filippine?

Compassion Filippine ha lanciato una campagna di sensibilizzazione online per la protezione dei bambini subito dopo l’implementazione delle restrizioni di quarantena nel marzo 2020. La campagna include promemoria online, seminari e discussioni con esperti locali come Alex Mallillin di IJM e Adesty Dulawan, supervisore clinico di World Hope International.

Durante una formazione online il 9 luglio, Adesty ha condiviso statistiche allarmanti. Ha detto che il 90% dei bambini filippini tra i 7 e i 12 anni usano regolarmente internet e il 40% di loro ha chattato con estranei online. Di questo gruppo, il 2,5% dei bambini filippini ha visto nudità in streaming online, e l’80% è a rischio di abuso sessuale, estorsione sessuale o cyber-bullismo. Diversi partner di Compassion (chiese locali) in tutte le isole hanno partecipato ai seminari volti a proteggere i bambini.

Dalla formazione online, i partner della chiesa hanno implementato attività locali per educare il personale della chiesa, i lavoratori, i leader, i pastori e i genitori sulla prevenzione e l’individuazione dell’OSEC.

In che modo il programma di Compassion affronta il problema dell'OSEC?

Il programma di sostegno a distanza dei bambini di Compassion affronta il fattore principale che guida l’OSEC: la povertà. Adesty ha detto: “I bambini vittime provengono per lo più da famiglie molto povere. I loro genitori hanno poche entrate o lavori transitori. L’OSEC è solo un risultato della povertà e della fame. Il problema è del sistema, non del bambino”.

La missione di Compassion di liberare i bambini dalla povertà nel nome di Gesù è più reale, rilevante e urgente alla luce dell’OSEC e della sua prevalenza nelle Filippine. “I nostri programmi e le iniziative di Compassion sono sempre attenti alla protezione dei bambini”, ha detto Mary Ann Manzano, specialista della protezione dei bambini per Compassion Filippine. “I pericoli sono reali, e anche quello che facciamo per proteggere i bambini è reale”.

Abbiamo consigliato alle nostre chiese partner di essere vigili nel monitorare i bambini e i giovani per evitare che si verifichino abusi”, ha continuato Mary Ann, “Le chiese locali partner sono istruite a riferire qualsiasi sospetto o presunto abuso alle autorità locali e all’ufficio nazionale”. “Durante le restrizioni della quarantena, i partner di Compassion hanno agito rapidamente, fornendo lezioni e attività online e modulari a tutti i bambini del programma in tutto il paese, in modo che non ci sia posto per il male online per entrare nelle loro case. Attraverso i seminari di sensibilizzazione e la conoscenza di ogni bambino sponsorizzato da parte dello staff, la loro vigilanza aiuterà a proteggere infanzie preziose”.

Noel Pabiona sarà in tour in Svizzera dal 26 Agosto al 12 Settembre. Se questa tematica è sul tuo cuore puoi incontrarlo in una di queste date.