Haiti: speranza in mezzo alla violenza
Francia

Francia

  • No SVG support
    Paese: Bolivien
  • No SVG support
    Età: 2
  • No SVG support
    Genere : Bambina
Sostieni Francia oggi

Haiti: speranza in mezzo alla violenza

Haiti: un bambino in maglietta e jeans siede su un mucchio di pietre.

I bambini di Port-au-Prince si addormentano al suono degli spari e si svegliano cercando di ignorare i morsi della fame. Le scuole sono state chiuse mentre crisi e violenza scandiscono la loro vita quotidiana.

CONTENUTO DELL'ARTICOLO

Cosa sta succedendo ad Haiti?

Oggi quasi 100 bande criminali si contendono il territorio di Port-au-Prince, la capitale di Haiti. Le Nazioni Unite stimano che l’80% della popolazione sia sotto il controllo delle bande. Saccheggi, violenze, rapimenti, blocchi stradali e omicidi quotidiani hanno paralizzato la città e costretto alla chiusura aeroporti, porti e ospedali.

Le bande, pesantemente armate con armi illegali, superano di gran lunga le forze di polizia del Paese. Il Paese ha appena 9.000 agenti in servizio attivo per una popolazione di 11 milioni di abitanti. Nel marzo 2024, la violenza delle bande ha costretto il primo ministro Ariel Henry a dimettersi. Le due principali prigioni di Haiti sono state prese d’assalto, causando la fuga di 4.000 prigionieri.

Attualmente, sono gli abitanti della capitale a essere imprigionati nelle loro case, non osando più uscire per proteggere le loro famiglie. Altri invece hanno abbandonato del tutto le loro abitazioni. Quasi 200.000 persone, metà delle quali bambini, sono ora sfollate all’interno del Paese. I centri di sviluppo infantile di altre regioni stanno accogliendo le famiglie che sono riuscite a lasciare la capitale e a sfuggire alle bande.

“Molte persone che vivono in aree ad alto rischio sono costrette a lasciare le loro case. Tuttavia, è diventato molto pericoloso muoversi nella capitale. È difficile trovare carburante. Di conseguenza, stiamo rimanendo a casa il più possibile”, spiega Jonathan, un dipendente di Compassion Haiti.

Haiti: una bambina guarda di lato. Ha dei fiocchi blu tra i capelli intrecciati.

Cosa ha portato all'attuale crisi di Haiti?

Decenni di instabilità politica, povertà estrema, interventi internazionali falliti e disastri ambientali hanno creato condizioni favorevoli alla crescita delle bande. Oggi si stima che nel Paese ci siano circa 200 bande armate, la metà delle quali opera a Port-au-Prince.

L’attuale crisi si è sviluppata dopo l’assassinio del presidente haitiano Jovenel Moïse nel 2021. La sua morte ha lasciato un vuoto di potere che le bande locali hanno rapidamente cercato di colmare. Il primo ministro Ariel Henry ha quindi preso il posto di Moïse.

Dopo l’annullamento delle elezioni presidenziali, sono scoppiate violente manifestazioni che hanno lasciato Ariel Henry al potere. Henry aveva promesso che si sarebbe dimesso una volta istituito un consiglio di transizione per scegliere un primo ministro ad interim.

Tuttavia, questo annuncio non ha ridotto l’attività delle bande. Esse hanno gradualmente preso il controllo della capitale e delle principali vie di comunicazione. 

Inoltre, le bande continuano a minacciare di opporsi a qualsiasi intervento esterno ad Haiti, compresi gli sforzi dei caschi blu kenioti sostenuti dalle Nazioni Unite per fornire assistenza alle forze di polizia nazionale. La violenza delle bande si è intensificata e ha invaso il Paese.

Haiti: una ragazzina con un vestito rosso guarda la macchina fotografica. I suoi capelli sono intrecciati con perle.

I partner della chiesa continuano a fare il possibile per assistere e proteggere i bambini nelle loro comunità. La nostra priorità assoluta rimane la sicurezza dei bambini e del personale

Che impatto ha questa crisi sui bambini di Haiti?

I bambini hanno fame

Questa situazione sta strangolando l’economia del Paese, aumentando la disoccupazione e causando la peggiore crisi alimentare della sua storia. Quasi la metà della popolazione non ha abbastanza cibo. Attualmente, solo l’11% dei bambini haitiani si nutre a sufficienza.

Nelle aree urbane controllate dalle bande, molte famiglie consumano un solo pasto al giorno. Fuori dalla capitale, la violenza delle bande sta aumentando nel dipartimento di Artibonite, interrompendo la capacità del Paese di produrre il proprio cibo.

Nel frattempo, i posti di blocco e i blocchi stradali delle bande impediscono al cibo di raggiungere le famiglie. “La maggior parte degli alimenti che consumiamo ad Haiti sono importati”, spiega Jonathan, membro dello staff di Compassion Haiti. “Le barche e gli aerei generalmente atterrano nella capitale. Con i blocchi stradali, è difficile far arrivare il cibo con i camion nel sud del Paese”.

L’inflazione ha raggiunto quasi il 50%, facendo aumentare il prezzo dei prodotti alimentari disponibili. “Anche se le famiglie avevano dei risparmi, li hanno utilizzati per comprare cibo”, spiega Abbel Joseph, uno dei responsabili di Compassion Haiti.

La salute dei bambini è a rischio

Quasi la metà della cinquantina di ospedali di Port-au-Prince si trova in aree controllate o influenzate dalle bande. Il personale medico e i pazienti sono quindi a rischio e molte strutture sanitarie hanno chiuso per motivi di sicurezza.

L’accesso limitato ai servizi sanitari, all’acqua potabile e ai servizi igienici rappresenta una grave minaccia per i bambini malnutriti, il cui organismo avrà difficoltà a combattere batteri e malattie. Con il rapido aumento della fame, le Nazioni Unite stimano che almeno 115.000 bambini soffrano di malnutrizione potenzialmente letale.

Bambini non scolarizzati e minacciati

A causa dell’escalation di violenza, molte scuole sono state chiuse per proteggere i bambini. Secondo l’UNICEF, dal gennaio 2023 i bambini hanno perso in media 1,5 giorni di scuola a settimana.

Le bande saccheggiano anche le scuole portando via attrezzature scolastiche, banchi, computer portatili, pannelli solari e preziosi alimenti utilizzati per i pasti scolastici. Tutto questo priva migliaia di bambini del loro diritto fondamentale all’istruzione.

Secondo l’UNICEF, nel 2023 centinaia di bambini sono stati feriti da armi da fuoco e anche la violenza sessuale è in aumento. Inoltre, i bambini sfollati sono soggetti ad abusi e sfruttamento. Infine, sono aumentati i rapimenti e le richieste di riscatto.

I bambini hanno più che mai bisogno del sostegno della chiesa locale

Compassion è profondamente impegnata nella protezione dei bambini. È proprio per questo che lavoriamo con la chiesa locale. In tal modo, possiamo garantire che ci siano persone in grado di assicurarsi che ogni bambino del programma di sostegno sia conosciuto, amato e curato. Anche se la risposta dei centri di sviluppo infantile non è uniforme, il nostro team e i partner locali stanno facendo tutto il possibile per sostenere i bambini e le loro famiglie colpiti dalla violenza in corso. “I partner della chiesa continuano a fare il possibile per assistere e proteggere i bambini nelle loro comunità”, dice Jonathan. “La nostra priorità assoluta rimane la sicurezza dei bambini e del personale”.

Haiti: una bambina indossa un abito a fantasia e i suoi capelli sono intrecciati con perline bianche.

Contribuisci alla risposta alla crisi di Haiti

In mezzo alle sfide di Haiti, il sostegno della chiesa locale rimane costante. Le chiese partner di Compassion sono state al fianco delle famiglie durante terremoti, uragani, pandemie… e disordini politici. “È importante ricordare che Compassion lavora ad Haiti dal 1968”, dice Jonathan. Le chiese partner di Compassion erano presenti prima di questa crisi, saranno presenti durante e anche dopo”.

L’ufficio nazionale di Compassion Haiti rimane impegnato a sostenere i centri di sviluppo infantile che sono stati colpiti dall’instabilità. Per proteggere i bambini, le famiglie, il personale e i volontari, alcune chiese partner in aree dove la violenza delle bande è diffusa hanno temporaneamente sospeso le loro attività. Tuttavia, i bambini continuano a ricevere un sostegno personale.

“In un momento in cui così tante persone lottano per sopravvivere, le famiglie sostenute da Compassion spesso condividono ciò che ricevono con i loro vicini”

L'aiuto fornito

Le famiglie dei bambini sostenuti hanno ricevuto scorte alimentari, prodotti per la salute, trasferimenti di denaro e sostegno per la sicurezza alimentare a lungo termine, come risorse agricole o finanziamenti per piccole imprese. Inoltre, il sostegno fornito alle famiglie attraverso contatti e visite (ove possibile) assicura la protezione dei bambini e mantiene la speranza e la salute mentale della famiglia.

Haiti: un bambino guarda la macchina fotografica, indossando una maglietta bianca con la scritta “Team Victory”.

Come possiamo aiutare i bambini di Haiti?

Edouard Lassegue, responsabile di Compassion International per l’America Latina e i Caraibi, ci invita a pregare per la protezione dei bambini, delle famiglie, dei volontari e del personale dei centri di sviluppo infantile colpiti dalla violenza. Ti chiediamo di pregare anche per la sicurezza delle chiese, per il coraggio dei pastori, per la fine della violenza e per una via d’uscita da questa crisi.

Compassion ha stanziato diversi milioni di franchi svizzeri in aiuti di emergenza per rafforzare il sostegno alle famiglie, alle chiese e ai centri di sviluppo infantile. L’aumento generale dei prezzi e la carenza di cibo hanno richiesto una risposta rapida. Puoi impegnarti a fianco dei nostri partner locali per garantire che i bambini e le famiglie abbiano accesso alle risorse essenziali di cui hanno bisogno.

Date chiave della cronaca haitiana

Un terremoto di magnitudo 7,0 riduce in macerie gran parte di Port-au-Prince, uccidendo più di 200.000 persone e lasciandone centinaia di migliaia senza casa. Successivamente, un’epidemia di colera, una delle peggiori della storia moderna, uccide fino a 10.000 persone. Nel caos, emergono decine di bande criminali.

La tempesta più violenta che si sia abbattuta su Haiti negli ultimi decenni lascia 200.000 famiglie senza casa, distrugge le coltivazioni poco prima del raccolto e aggrava l’epidemia di colera.

In un contesto di perdita di reddito e di insicurezza alimentare causate dalle chiusure durante la pandemia COVID-19, il presidente Jovenel Moïse viene assassinato da uomini armati dopo essere stato criticato per essere rimasto al potere oltre la fine del suo mandato.

Prima del suo assassinio, Moïse nomina Ariel Henry come primo ministro. Henry, che non ha ancora prestato giuramento, entra in carica come leader non eletto. La violenza delle bande si intensifica.

Un terremoto di magnitudo 7,2 colpisce il sud-ovest di Haiti il 14 agosto 2021. Il disastro uccide più di 2.200 persone, ne ferisce 12.300 e danneggia molte infrastrutture.

Il governo non organizza le elezioni, adducendo la violenza delle bande. Haiti rimane senza un capo di governo eletto.

La violenza si intensifica quando le bande cercano di spodestare Ariel Henry dalla sua posizione di potere. Le bande attaccano la polizia e cercano di prendere il controllo del principale aeroporto internazionale del Paese.

Nel frattempo, il Primo Ministro Ariel Henry rimane bloccato fuori Haiti dopo un viaggio in Kenya. Ariel Henry annuncia che si dimetterà una volta nominato un consiglio di transizione e un sostituto temporaneo.

Il bambino che sostieni

Se sostieni un bambino ad Haiti, ti contatteremo non appena avremo informazioni rilevanti da condividere su di lui/lei. Compassion sta monitorando la situazione da vicino e, grazie al tuo sostegno, i nostri partner locali sono in grado di essere presenti e di rispondere ai bisogni dei bambini e dei giovani colpiti dalla crisi. In momenti come questo, il tuo continuo supporto attraverso il sostegno è più importante che mai. Grazie di cuore.

Dona ad Haiti

I miei dati personali
Si, sono a conoscenza della vostra politica sulla protezione dei dati


Le tue donazioni a Compassion sono deducibili dalle tasse in Svizzera.