262 Dotto

Dotto

  • No SVG support
    Paese: Tanzanie
  • No SVG support
    Età: 10
  • No SVG support
    Genere : Bambino
Sostieni Dotto oggi

Sopravvissuto della grotta in Thailandia: Un anno dopo, ciò che è cambiato nella sua vita.

8 Luglio 2019

Un anno fa, il mondo intero era in sospeso alla notizia dell'operazione di salvataggio della squadra di calcio dei Sangliers, intrappolata nella grotta Tham Luang Nang Non di Chiang Rai, in Thailandia. Dodici mesi dopo, Adun, un membro della squadra di calcio liberato dalla trappola delle caverne e adolescente sostenuto da Compassion, racconta come è cambiata la sua vita.

 

Il 23 giugno 2018, dodici giovani calciatori e il loro allenatore sono rimasti intrappolati in una grotta nel nord della Thailandia a causa dell'improvviso aumento del livello dell'acqua. Il mondo intero è rimasto sospeso dalla notizia dell'importante operazione di salvataggio che ne è seguita. Diciotto giorni dopo, gli ostaggi nella grotta sono stati fortunatamente liberati.

 

L'ingresso di una grotta vicino alla Grotta Tham Luang nella provincia di Chiang Rai, Thailandia.

 

«Dalla decima notte in poi, abbiamo cominciato a perdere la pazienza, la speranza, l'energia fisica e il coraggio. Non c'era nulla che potessimo fare per migliorare la situazione. L'unica cosa che potevo fare era pregare. Ho pregato: «Signore, sono solo un ragazzo. Tu sei il Dio onnipotente. In questo momento, non c'è niente che io possa fare. Grazie per averci protetto, e vieni ad aiutarci tutti e tredici», ha detto Adun, 15 anni, uno degli ostaggi nella grotta.

 

Adun era l'unico della squadra di calcio che parlava inglese ed era in grado di comunicare con i soccorritori. Quando i sommozzatori inglesi finalmente sono arrivati vicino al gruppo ed hanno chiesto: «Quanti siete?», «Tredici», ha risposto Adun. Dopo una massiccia operazione di salvataggio che ha coinvolto le foche della marina thailandese e gli esperti speleologi subacquei, tutti sono stati salvati prima del 10 luglio. Un soccorritore ha perso la vita durante l'operazione.

Abbiamo recentemente incontrato Adun, questo adolescente sostenuto da Compassion, per scoprire come sta andando la sua vita, un anno dopo quello che sarebbe stato un disastro per il gruppo calcistico.


 

Un cambiamento di vita spettacolare dopo questa terribile esperienza

 
Prima del 23 giugno 2018, la vita era relativamente semplice e tranquilla per Adun. Andava a scuola dalle sette del mattino alle quattro del pomeriggio. Poi andava agli allenamenti di calcio fino alle 18 o 19. Infine, dopo essere stato in chiesa, tornava a casa per la cena. Poi faceva i compiti a casa, prima di andare a letto.

 

«Era tutto a posto», dice Adun. «Avevo tutto il necessario e la mia vita quotidiana andava bene."

 

Ma da quell'evento, la vita dei membri di questa squadra di calcio giovanile è cambiata. Sono regolarmente invitati a trasmissioni televisive in tutto il mondo per raccontare le loro storie (hanno anche incontrato una delle loro star preferite, Jose Mourinho del Manchester United). Nel loro paese, sono regolarmente trattati come eroi in occasione di eventi locali. Hollywood vorrebbe trasformare la loro storia in un film.
Oggi, oltre alla sua routine quotidiana, che comprende partite di calcio, attività al Centro Compassion, Adun partecipa ad eventi locali, dove viene trattato come una celebrità.


Un paesaggio rurale simile a quello in cui vivono i genitori di Adun in Myanmar.
 

L’inizio difficile di Adun

 
Il maggiore di cinque figli, Adun appartiene al gruppo etnico Lua. La sua famiglia vive in un villaggio remoto, a qualche giorno di cammino da Chiang Rai. Anche se la prospettiva di separazione dal figlio era difficile, i suoi genitori decisero di mandarlo a vivere in una casa in Thailandia. Per loro era l'unico modo per dargli un'istruzione e un futuro migliore che nel loro villaggio. Quando Adun aveva solo sei anni, fu affidato alla buona cura della Chiesa nella casa in cui ora vive.
Lo scorso giugno, quando i suoi genitori sono stati contattati dal direttore del Centro per raccontare loro la terribile notizia, sua madre ha immediatamente iniziato la lunga marcia verso Chiang Rai. Ma con l'aiuto dei vicini del villaggio, un'auto è riuscita a portare lei e suo marito sul luogo della tragedia. Lì è iniziata una lunga e incerta attesa. Nessuno dei due riusciva a dormire. Che sollievo per i genitori di Adun quando il figlio è uscito dalla grotta il 9 luglio con il secondo gruppo di ragazzi salvati.


Adun svolge i suoi compiti mattutini a casa prima di andare a scuola.

 

Affidarsi a Dio prima e dopo il salvataggio dalla grotta

 

Il desiderio dei suoi genitori di vedere Adun crescere con una fede forte è diventato realtà attraverso le sue esperienze nel Centro Compassion. E questa fede è cresciuta ancora di più da quando si è rivolto a Dio, in fondo a quella grotta buia e fredda, in quei terribili momenti in cui era in gioco la sua vita.

 

«L'aiuto è venuto da Dio nei momenti più difficili», dice Adun. «Ho pregato molto intensamente e Dio mi ha risposto. Io e Dio siamo stati insieme in questa situazione, e gli sono grato per avermi aiutato ad uscire dalla grotta.»

 

Adun sa che la sua forza viene da Dio che lo tiene al sicuro non solo nei momenti bui della vita, ma anche nelle sfide quotidiane. Ancora oggi, Adun non condivide pubblicamente i dettagli della sua esperienza. Lui e gli altri ragazzi hanno ricevuto cure psicologiche. Gli è stato detto che non devono mai condividere la loro esperienza se non vogliono. Ma Adun e gli altri continuano a guarire ogni giorno di più dal trauma.

 

«Adun e altri 12 amici sono stati attentamente monitorati dall'Ufficio Provinciale di Chiang Rai per lo Sviluppo Sociale e la Sicurezza Umana», ha detto Siripan Kongsuriyanawin, specialista di Compassion Thailand per la protezione dell'infanzia. «Quando gli psicologi li hanno valutati, il loro stato psicologico era normale.»


 

Adun è grato di poter tornare alla normale vita da adolescente. È una persona di fiducia per i suoi amici e compagni di classe quando hanno problemi. È facile parlare con lui ed è sempre pronto a incoraggiare gli altri. Quando gli è stato chiesto cosa consiglierebbe ad altri adolescenti che stanno affrontando delle sfide, dice:

«Direi di essere pazienti e fiduciosi in Dio. Pregate e aspettatevi Dio con speranza.»

 

Infine, Adun ha condiviso questo messaggio durante una celebrazione alla fine dell'anno scorso, che è ancora oggi attuale: «Grazie a tutti coloro che hanno pregato per me e per tutta la squadra. Grazie a tutti coloro che ci hanno aiutato e, ultimo ma non meno importante, grazie a Dio. Che Dio vi benedica tutti !»

Nel frattempo, la vita è tornata alla normalità nel nord della Thailandia dopo il salvataggio nelle grotte. Il Centro Compassion, che è servito come base per i soccorritori, continua a lottare per i bambini più vulnerabili della regione.


Vuoi rispondere ai bisogni più urgenti di un bambino che vive in povertà in Thailandia o in uno dei 25 paesi in cui è coinvolta Compassion?

Sostieni un bambino come Adun oggi !