fbpx
273 Josue

Josue

  • No SVG support
    Paese: Mexique
  • No SVG support
    Età: 14
  • No SVG support
    Genere : Bambino
Sostieni Josue oggi

Schiavitù infantile nella regione del lago Volta: un'ingiustizia dei nostri giorni

Milioni di bambini in tutto il mondo sono vittime della schiavitù infantile. Questo grave problema si riscontra anche nella regione del lago artificiale Volta, in Ghana.

Ebenezer Agoa aveva sei anni quando fu mandato a lavorare sul lago Volta: un luogo tristemente noto per la schiavitù infantile. Queste 15 foto illustrano tutte le ingiustizie che ha subito e la strada che ha percorso fino alla sua liberazione.

Schiavitù infantile sul lago

Il lago Volta in Ghana è il più grande lago artificiale del mondo.

Lungo le sue rive sono sorte diverse abitazioni: vi si sono insediate intere comunità. Il loro reddito deriva dalla navigazione e dall’industria della pesca.

Tuttavia, ci sono centinaia di pescatori (o meglio bambini pescatori) che non hanno scelto di essere lì. Sono sottoposti a un terribile lavoro minorile sul lago. Le loro famiglie sono state truffate, la loro vecchia vita è ormai solo un vago ricordo.

Il dilemma dei genitori

«Lo sfruttamento dei bambini è un problema della povertà», dice Henry Tetteh Amanor, responsabile del Centro Compassion e attivista contro la tratta di bambini presso il New Ningo Good Sheperd Methodist Child Development Centre GH-0209.

«Quando si hanno tre figli, che non possono andare a scuola per mancanza di soldi, e qualcuno ti propone di prendere uno dei bambini per mandarlo a scuola – e ti offre denaro in cambio, che permetterebbe anche agli altri due bambini si studiare. Perché rifiutare?», ci spiega

«Così i genitori o i tutori legali vendono i loro figli per una piccola somma di 300 Cedis, ovvero circa 52 franchi»

Imprigionati come schiavi, bambini lontano dalle loro case

«Spesso, i mercanti indicano una città come destinazione, vicino al villaggio del bambino,» racconta Henry. «Ma in realtà, portano i bambini abbastanza lontano per non fargli trovare la strada di casa.»

L’industria della pesca sul lago Volta è una parte importante dell’economia del Ghana. Tuttavia, è un commercio costruito sulle spalle di bambini innocenti, la maggior parte dei quali di età inferiore ai 10 anni. Ai bambini vengono affidati i compiti più pericolosi e difficili. Sono esposti a molta violenza, lavorano per lunghe giornate e generalmente non ricevono né cibo né salari in cambio.

I bambini cresciuti in ambienti poveri sono le prime vittime del traffico umano.

Le famiglie, come quella di Ebenezer, in particolare,  sono in pericolo.

Ebenezer era piccolo quando sua madre morì e rimase orfano. Sua nonna lo portò poi nella sua casa a Greater Accra.

«Mi prendo cura di nove dei miei nipoti. I loro padri li hanno abbandonati tutti.» ci racconta Comfort.

Come avviene il lavoro minorile?

Ebenezer aveva sei anni quando un uomo si presentò a casa di sua nonna. Sosteneva di possedere una barca da pesca. Cercava ragazzi che potessero venire a lavorare sul lago Volta per imparare il mestiere della pesca.

Ha promesso un buon lavoro, un reddito costante, cibo e un posto sicuro per dormire.

Le sue promesse, come il suo sorriso, erano ingannevoli.

La decisione della disperazione

Il lavoro di Comfort è quello di raccogliere frutta e verdura da vendere nei mercati locali. Questo le fa guadagnare qualche franco ogni volta.

«Non posso permettermi di provvedere ai miei nipoti come avrei voluto, ma Dio mi dà la forza di andare a lavorare, per nutrire loro e me.»

Quando l’uomo (un parente) si offrì di portare tre dei suoi nipoti a lavorare sul suo peschereccio, lei esitò. Se avesse accettato, avrebbero avuto cibo e un posto per dormire, e lei avrebbe avuto un pò più di soldi per chi sarebbe rimasto con lei.

È così che ha preso la sua decisione e li ha lasciati andare.

La realtà del lavoro minorile sul lago Volta.

Ebenezer ha lavorato sul lago per tre anni. Gettava e tirava la rete da pesca su e giù fino a quando le spalle non si bruciavano e le mani si incrinavano e sanguinavano.

Gli uomini che hanno costruito il lago hanno sommerso un’intera foresta sotto l’acqua. Così, quando i rami degli alberi morti sono rimasti impigliati nelle reti, Ebenezer ha dovuto tuffarsi nell’acqua torbida per districare i fili. Con occhi e polmoni che bruciavano, si faceva prendere dal panico e pregava di ritrovare la strada per tornare in superficie e respirare di nuovo. Pregava che Dio lo salvasse da questa situazione, che aveva già causato la morte di molti.

La preghiera di un bambino per la liberazione

I mesi passano e Ebenezer prega costantemente per la sua liberazione.

«Spesso mi sedevo da solo e pensavo al mio futuro», ricorda Ebenezer. «Volevo scappare, ma non potevo. Non avevo soldi per il trasporto. Ho pregato che Dio mi aiutasse a lasciare la casa di quest’uomo. »

«Gli uomini, che vanno a cercare i bambini, gli imbrogliano»

Come Comfort, la maggior parte dei genitori crede che lasciandoli andare, i loro figli avranno una vita migliore.

«I genitori amano i loro figli», dice Henry. «Fanno del loro meglio, ma questa è una conseguenza indiretta della povertà: non possono prevedere cosa accadrà dopo perché sono stati ingannati dai trafficanti. E poiché sono poveri, sono vulnerabili.»

Molti di loro credono che imparare a fare il pescatore darà ai loro figli un futuro migliore. La realtà però è ben diversa.

Come Compassion agisce contro la schiavitù infantile

Comfort è sempre preoccupata per i suoi nipotini.

«Un giorno stavo pregando e perdendomi nei miei pensieri ho riflettuto: “Non sono andata a scuola”. Allora perché dovrei accettare che anche i miei nipotini non ricevano un’istruzione? Così sono andata a cercarli.»

Henry gli spiegò che Ebenezer e i suoi cugini potevano essere accolti e sostenuti dalla Chiesa locale di Compassion. Quindi c’era una soluzione all’oppressione della povertà che l’aveva spinta a prendere quella fatidica decisione.

Piena di nuove speranze, Comfort prese sul serio l’aiuto di Henry e partì per il lago Volta.

Quando Comfort si riunisce a suo nipote, piange dal sollievo, di vederlo ancora vivo. Piange ancora, quando scopre tutti gli abusi e la disperazione che aveva vissuto.

Con il supporto di Henry, riesce ad ottenere il rilascio di Ebenezer.

Ebenezer ha trascorso più di tre anni su quella imbarcazione, l’equivalente di centinaia di ore di lavoro e di sofferenza. Più di un quarto della sua vita era ormai alle sue spalle – e tutto per circa 50 franchi in cambio.

Nella regione del lago Volta, un bambino su tre è vittima del lavoro minorile.

Nella regione del lago Volta, un bambino su tre lavora come schiavo bambino e uno su cinque vive in zone pericolose.

«Quando torno al lago, sono triste che io sono al Centro Compassion, e non gli altri», racconta Ebenezer. « Non voglio che succeda qualcosa a questi ragazzi, questi ragazzi che stanno tirando su le reti, invece di andare a scuola. So che stanno pensando ai loro amici a scuola.»

A livello internazionale, 10 milioni di bambini sono vittime della schiavitù, del traffico di esseri umani e di altre forme di sfruttamento, del reclutamento forzato in conflitti bellici, della prostituzione, della pornografia e di altre attività illegali.

Si stima che circa 151,6 milioni di bambini siano schiavizzati. Di questi, 114 milioni hanno meno di 14 anni.

Una volta schiavo, oggi studente

Negli ultimi anni di ginnasio, Ebenezer spera di diventare ingegnere meccanico. Ha subito un grave trauma, ma è sopravvissuto. Da quando ha lasciato il lago, si è unito al programma  Compassion e sua nonna si sta prendendo cura di lui. La gente della sua chiesa locale gli mostra affettto e il suo sostenitore Daniel è molto incoraggiante.

«Ho sofferto abbastanza nella mia vita e non voglio che la mia famiglia o i miei figli soffrano allo stesso modo. Voglio che vadano a scuola, affinchè possano avere un futuro migliore», dice.

Liberare i bambini dalla schiavitù in modo permanente

Henry continua ancora oggi la sua lotta contro la tratta di esseri umani. Viaggia in lungo e in largo per incontrare i genitori e i capi della chiesa e renderli consapevoli della dura realtà della vita sul lago Volta spiegando i metodi di abuso che i trafficanti usano su persone innocenti.

«Ogni bambino ha il diritto di essere protetto», dice Henry. «Dobbiamo sostenere un numero ancora maggiore di bambini a Compassion, ed equipaggiarli in modo che essi stessi possano poi influenzare gli altri in tutto il paese. Affinchè i bambini siano liberi- e liberi per sempre.»

Compassion lavora in collaborazione con le chiese locali per cambiare in modo duraturo la vita di ogni bambino. Mettiamo in relazione un sostenitore e un bambino, che vive in condizioni di estrema povertà, per investire nel suo futuro.

Ps: i bambini nelle foto non lavorano per la pesca, si sono offerti volontari e con il consenso dei genitori hanno accettato di illustrare scene di vita al lago Volta.