225 Mary

Mary

  • No SVG support
    Paese: Colombia
  • No SVG support
    Età: 4
  • No SVG support
    Genere : Bambina
Sostieni Mary oggi

La festa di tutte le mamme?

26 Aprile 2019

La festa della mamma non è un giorno di festa in tutto il mondo. Troppe donne diventate madri piangeranno la perdita di un neonato morto durante il parto o nelle prime settimane di vita. Compassion è impegnata a combattere la mortalità infantile attraverso il suo programma di aiuto per le mamme e i neonati.

Salvare vite umane in termini concreti

Secondo i dati UNICEF, ogni giorno 7500 bambini muoiono alla nascita o nei primi mesi di vita. I primi mesi di vita di un bambino sono quindi cruciali per la sua sopravvivenza e il suo sviluppo.

Questa minaccia porta a reazioni come quella di Agnès, che abbiamo incontrato in Tanzania, con un bambino di diversi mesi in braccio. Il bambino non aveva ancora un nome di battesimo. Dopo aver già perso un bambino durante il parto, questa madre ha deciso di aspettare. «Se il mio bambino sopravvive all'età di due anni, gli darò un nome.»

La realtà della povertà estrema è crudele. Le donazioni ricevute negli ultimi 12 mesi per il Programma di sostegno mamme e neonati hanno salvato delle vite.

Compassion è impegnata a proteggere la vita

Dal 2003, Compassion ha sviluppato il suo programma di aiuto mamme e neonati. Oggi, più di 1500 centri (su 7000) hanno aperto una struttura di accoglienza, monitoraggio e sostegno per donne incinte o madri di bambini piccoli (fino all'età di un anno). Più di 22.500 posti sono disponibili per sostenere le donne povere.

In termini concreti, le donne incinte e le giovani madri bisognose ricevono cure, formazione, incoraggiamento e una speranza che è più forte della povertà. Con questo programma, Compassion costruisce una solida base e una sicurezza per lo sviluppo promettente del bambino.

Con questo programma, Compassion è impegnata con i bambini fin dall'inizio della loro vita. Quando raggiungono l'età di un anno, entrano nel programma di sostegno, vengono seguiti in base alla loro età con diverse attività.

 

2003

Inizio del programma di aiuto mamme e neonati

1500

Centri Compassion che partecipano al progetto

22'500

Posti disponibili per le mamme

Carmen e Chemine testimoniano

Carmen

Nella Repubblica Dominicana, Carmen ha subito un grave incidente stradale durante la gravidanza. Grazie alla mobilitazione di Compassion, è stata curata e il suo bambino è nato in buone condizioni.

Chemine

Chemine ha perso i suoi genitori quando era una bambina a Legbanou, un villaggio rurale in Togo. È stata mandata a vivere con alcuni parenti in Nigeria.

«Non avevano cura di me. Ero infelice e triste», ricorda. Da adolescente, è stata in grado di tornare nella sua regione natale dove una zia l'ha accolta. Non potendo frequentare la scuola, iniziò a fare lavori agricoli nel tentativo di sopravvivere.

Fu subito dopo il suo ritorno che conobbe il padre di suo figlio. Pensava che lui volesse sposarla. Ma dopo essere stata costretta a dormire con lui, Chemine viene lasciata.

«Non ero per niente preparata ad avere una relazione sessuale. Quando ho capito che ero incinta, avevo sedici anni ed ero terrorizzata. La parte peggiore di questa situazione è che non avevo nessuno con cui parlare di quello che mi stava succedendo.»

Fortunatamente, tutto è cambiato da quando Chemine ha aderito al programma di sostegno mamme e neonati di Compassion. Anche se lei stessa non aveva mai ricevuto l'amore di una madre, ha imparato dal personale del programma come prendersi cura e amare sua figlia.

«Compassion si prende cura della salute di mia figlia e della mia. Pagano tutte le spese mediche e mi comprano i farmaci prescritti dai medici. Ogni mese ci sostengono dandoci cibo e un kit per l'igiene. Riceviamo consigli e formazione per prenderci cura dei nostri bambini, per vivere in modo igienico e per prevenire le malattie».