11 Brayan

Brayan

  • No SVG support
    Paese: Guatemala
  • No SVG support
    Età: 5
  • No SVG support
    Genere : Bambino
Sostieni Brayan oggi

Fino al 2003, non avevano mai sentito parlare di regali

13 Settembre 2018

L'apertura di un centro Compassion da parte della Chiesa di questo villaggio al confine tra Thailandia e Myanmar ha permesso a molti bambini di scoprire la gioia di ricevere un regalo di Natale.

Fino all'inizio degli anni 2000, i bambini del villaggio di Sob Mae Ruam non avevano mai sentito la parola «regalo». In questo villaggio di etnia Karen al confine tra Myanmar e Thailandia, non si fanno regali nè per il compleanno, nè per il Natale.


Eppure non c’è stata una mancanza di racconti sulla nascita di Gesù bambino. È nel 1953 che nasce la prima chiesa, proprio in questo villaggio, grazie al primo missionario arrivato in Birmania (ora Myanmar). Oggi, in quest’area di povertà rurale, i cristiani del villaggio presentano il Natale passando di casa in casa, nei villaggi vicini, cantando canti natalizi e pregando per le famiglie.

Sawitree avec sa couverture

Sawitree davanti all’unica stanza di casa con la coperta ricevuta per il Natale

 

L'arrivo di Compassion ha fatto scoprire loro i regali
Nel 2003, la Chiesa diventa partner di Compassion ed apre un centro. Da allora, ogni anno, i bambini all’interno del programma ricevono un regalo. E da allora, ogni anno, la Chiesa organizza anche una festa di Natale per i bambini e le loro famiglie. In un clima gioioso in cui il concetto del regalo ha un senso, con una presentazione del dono che Dio ha dato all'umanità, mandando suo figlio Gesù in mezzo a noi.

Come ovunque nel mondo, i bambini di Sob Mae Ruam sono ovviamente impazienti ed entusiasti di questo grande giorno di festa e del dono che riceveranno. Inoltre, il centro, i genitori e i bambini decidono insieme il regalo più utile per il bambino. Dopo una presentazione, un momento di discussione tra il bambino e i suoi genitori, è finalmente il tempo della scelta che definirà quale sarà il regalo di Natale. Un anno, i bambini hanno ricevuto un paio di scarpe e calze. Un'altra volta, una coperta tanto confortevole quanto colorata.

Pee-Mai con la tenda da campeggio ricevuta 3 anni fa

 

Succede anche che il centro adatta il regalo alle esigenze specifiche di una famiglia. Pee-Mai, 10 anni, sognava di ricevere una scatola per riporre i suoi vestiti. E questo è quello che ha ricevuto. Si ricorda di quel giorno come se fosse ieri.

I regali hanno «più vite»
In questo villaggio, è tradizione seminare la generosità, la condivisione è cosa cara al gruppo etnico Karen. Quindi, molto spesso, i regali di Natale rendono felici molti. Quando i bambini crescono, danno il regalo a un altro bambino.

Tradurre una lettera di Natale per 1.9 milioni di bambini, si inizia a settembre
Ogni anno, Compassion distribuisce un regalo di Natale a ciascuno dei 1,9 milioni di bambini all’interno del programma. Sì, hai sentito bene! Perché tutto sia pronto in tempo per la festa di Natale in ognuno dei 7000 centri di accoglienza, Compassion inizia a lavorarci già da settembre.

I bambini provano le canzoni che canteranno durante la festa di Natale

 

Incoraggiamo sostenitori e amici a partecipare finanziariamente all'acquisto di regali sul posto, a sostenere l'economia locale e invitiamo tutti i sostenitori a scrivere a settembre, una lettera di Natale che accompagnerà il dono. Non dimentichiamo, la maggior parte delle lettere sarà tradotta prima di essere inviata ai centri Compassion.
Il Natale è una buona notizia anche per qualche villaggio come Sob Mae Ruam. E qui, i bambini lo sanno già da diversi anni. La sera, quando dormono sotto la coperta che hanno ricevuto l'anno scorso, a volte pensano al Natale successivo. E iniziano a sognare un nuovo regalo ...


Impegnarsi ora

Scrivere al bambino

Hai la possibilità di scrivere rapidamente e facilmente una lettera di Natale al bambino che sostieni.

Offrire un regalo

Il nostro fondo di Natale garantisce che ogni bambino registrato nei nostri programmi riceva un regalo.