266 Janeth

Janeth

  • No SVG support
    Paese: Mexiko
  • No SVG support
    Età: 7
  • No SVG support
    Genere : Bambina
Sostieni Janeth oggi

Come combattere l’ingiustizia nel 2018

18 Gennaio 2018

Danielle Strickland condivide con noi 6 suggerimenti su come combattere l'ingiustizia e fare la differenza nel 2018.

Danielle Strickland: autrice, ambasciatrice e combattente appassionata contro l'ingiustizia. Per oltre vent'anni ha servito come ufficiale dell'Esercito della Salvezza gli emarginati della società. Danielle condivide i suoi migliori consigli su come combattere l'ingiustizia nel 2018:


1. Combatti l’ingiustizia: Scegli di vedere

Siamo tutti coinvolti nell'ingiustizia quando guardiamo altrove. La cecità intenzionale è uno dei più grandi fallimenti della nostra cultura. Possiamo scegliere di non vedere l'ingiustizia e dire a noi stessi che è tutto troppo, troppo complicato o troppo opprimente. Quindi il primo passo deve sempre essere quello di scegliere di vedere l'ingiustizia che ci circonda. Decidi di aprire gli occhi.

2. Combatti l’ingiustizia: Fai attenzione

Presta attenzione alle cose che creano in te una reazione. Le situazioni che ti infastidiscono, le notizie che sconvolgono la tua giornata o le conversazioni che non puoi dimenticare. Decidi di sintonizzarti su ciò che non puoi ignorare. Forse Dio ti mostrerà qualcosa che puoi fare o cambiare. Catherine Booth una volta disse: Non c'è modo di cambiare il futuro senza disturbare il presente. 
Penso che molte persone vogliano un futuro cambiato senza cambiare nulla ora – questo è impossibile.

3. Combatti l’ingiustizia: Impegnati e impara

Potremmo essere tentati di scappare ma questo non cambierà i nostri cuori e non cambierà il mondo. Sfida te stesso, impara da ciò che ti crea disagio, informati sugli argomenti e sulle cause che provocano in te una reazione. Che si tratti di sostenere i rifugiati, conoscere i tuoi vicini, donare al banco alimentare, aiutare in un rifugio i senzatetto o pregare per la chiesa perseguitata.

Scopri l'argomento che ti sta a cuore e cerca un'organizzazione che soddisfi questa sfida insieme a te. Sapere di più su un argomento aiuta anche a contrastare la paralisi e l'ansia che spesso ci impedisce di fare il primo passo.

4. Combatti l’ingiustizia: Hai quello che serve!

A volte pensiamo che la lotta contro l'ingiustizia sia qualcosa per i professionisti e gli esperti, qualcosa al di sopra delle nostre competenze.
Facciamo questo ragionamento anche con la tematica povertà, per questo amo Compassion. È un modo accessibile, etico e relazionale per affrontare le questioni relative la povertà. La risposta alla povertà è semplicemente, condividere. Pensiamo che abbiamo bisogno di tutte le giuste conoscenze, buoni voti agli esami o strategie intelligenti. Inizia a condividere quello che hai e vedi cosa succede.

5. Combatti l’ingiustizia: Fai il primo passo

Beginne mit einem ersten Schritt. Bei Compassion könnte das heissen,

L'azione di solito inizia con un piccolo passo. Nel contesto di Compassion, potrebbe iniziare con il sostegno di un bambino o sensibilizzando i tuoi bambini nella lotta alla povertà, aiutandoli a capire cosa essa sia. È meraviglioso per me sostenere un bambino, come famiglia, insieme ai miei figli. Coinvolgerli nel loro impegno per la giustizia. Posso dirgli: "Ecco, questa è la povertà. Questo bambino è proprio come voi, vive dall'altra parte del mondo e voi raggazzi potete esser amici.”

La giustizia sociale significa vivere la vita nel miglior modo possibile insieme. La giustizia arriva sempre attraverso il rapporto con gli oppressi.

6. Combatti l’ingiustizia: Resta ingenuo

C'è una benedizione francescana che mi sfida davvero: "Dio ti benedica con disagio, rabbia, lacrime e follia".

La mia linea preferita è:
"Possiamo rimanere abbastanza ingenui da credere che il modo in cui viviamo possa fare la differenza nel mondo."


Siamo abbastanza ingenui da credere che nel 2018 possiamo cambiare il mondo intorno a noi? Ci siamo arresi abbastanza per camminare mano nella mano con gli infranti, i poveri, gli oltraggiati e gli emarginati della società?

Immagina cosa succederebbe se i liberatori fossero improvvisamente più numerosi degli oppressori!


Iniziamo!

Danielle Strickland