Ikran

Ikran

  • No SVG support
    Paese: Indonesia
  • No SVG support
    Età: 4
  • No SVG support
    Genere : Bambino
Sostieni Ikran oggi

Voglio diventare medico

Deborah ha grandi sogni per il futuro. Non è sempre stato così per la bambina che condivide uno spazio di 16 m2 con sei fratelli.

Voglio diventare medico

Deborah ha grandi sogni per il futuro. Non è sempre stato così per la bambina che condivide uno spazio di 16 m2 con sei fratelli.

Vieni con noi in Uganda e conosci Deborah. Non si possono identificare gli odori, le galline chiocciano, i bambini ridono, un’altro piange. Gli stendibiancheria sono appesi in vicoli foderati di spazzatura. Siamo a Kiwunya, uno dei più grandi slum di Kampala. In una piccola “casa” vive Deborah, una bambina di 9 anni intelligente e allegra. Condivide una stanza di 4×4 m con i suoi genitori e i suoi fratelli. Oggi si è messa la sua gonna migliore.

Alcune abitazioni, come quella di Deborah, sono costruite in pietra e ferro ondulato, altre in fango. In media, dieci famiglie condividono servizi igienici comuni: che sono per lo più privi di una buona igiene. La doccia è possibile gettandosi un secchio d’acqua sulla testa.

Mal di testa da fame

Si cucina su un fuoco di legna davanti alla casa. Alcune volte c’è abbastanza cibo, altre no. In questi giorni Deborah ha il mal di testa. Sua madre, Aida, è stressata e si vergogna. Dice: “A volte mi trovo di fronte alla scelta: devo comprare il cibo o pagare l’affitto? Io scelgo sempre la seconda. Se perdiamo la nostra casa, i problemi non faranno che peggiorare”.

Il personale del vicino centro per bambini di Compassion è venuto a conoscenza della situazione della famiglia. Deborah è stata accolta, ha trovato una sostenitrice e ora può andare a scuola. 

I suoi genitori sono grati per ciò che hanno imparato attraverso la chiesa locale a cui il centro di Deborah è affiliato, hanno imparato molto. Il padre ora lavora per un hotel e sua madre ha avviato una piccola attività di ristorazione con l’aiuto di un microcredito. 

Aida, spiega che la spirale della povertà non è facile da spezzare: “Con i soldi che produco, sono riuscita a ripagare il mio prestito. Ora siamo senza debiti, ma non è ancora abbastanza per nutrire i nostri sei figli. A volte non possiamo comprare abbastanza cibo per un pasto adeguato. In quei giorni, condividiamo quello che abbiamo”.

Il sostegno di Deborah non risolve tutti i problemi della famiglia. Ma mantiene l’equilibrio e fa una grande differenza. Dà a Deborah e ai suoi fratelli stabilità e protezione in mezzo ai pericoli che li minacciano nella baraccopoli: droga (i bambini sono già dipendenti dalla paraffina), prostituzione, alcol e altre forme di abuso.

Un posto sicuro

Fortunatamente, le prospettive per Deborah sono più promettenti. “Voglio diventare medico e  madre”, dice Deborah, raggiante nella sua uniforme scolastica arancione.

Come altri quattrocento bambini, frequenta ogni sabato il centro Compassion della chiesa locale. Un luogo sicuro dove riceve sostegno scolastico, formazione igienica e cure mediche. Un posto dove può giocare e sviluppare i suoi talenti, ma anche sognare un futuro di speranza senza povertà. E Deborah ama lo scambio di lettere che ha con la sua sostenitrice Eva, che vive in Europa.

Deborah come ambasciatrice di Compassion in una campagna di manifesti

Deborah è attualmente ambasciatrice di Compassion per le strade della Svizzera. Fino alla fine di dicembre, sarà presente in una campagna di poster lanciata da Compassion, grazie a una generosa donazione aziendale per questo progetto.

Se hai un cartellone privato, puoi ordinare un poster F4 o F12 per promuovere e rendere visibile il sostegno dei bambini, vicino a te! Se vuoi sponsorizzare la presenza del poster di Deborah su un cartellone specifico, grazie di contattare Coline utilizzando il modulo sottostante o al numero: 024 434 2124