Adrián

Adrián

  • No SVG support
    Paese: Colombie
  • No SVG support
    Età: 5
  • No SVG support
    Genere : Bambino
Sostieni Adrián oggi

Richmond Wandera: «Sono la prova dell'efficacia del sostegno a distanza»

All’età di 8 anni, l’ugandese si è trovato in una baraccopoli dopo l’assassinio di suo padre. Oggi è un pastore e capo di un’organizzazione che ha già formato più di 6000 pastori in tre paesi africani.

Richmond, qual è il tuo sogno?

Il mio sogno per il mio paese è che si trasformi in una nazione con buoni leader. Persone che prendono decisioni per il bene del popolo. Ma anche persone che temono Dio e amano il bene.

Il mio sogno per la chiesa è che ogni pastore nel mio paese riceva una formazione teologica, cosa che oggi è ben lontana dall’essere vera.

Il mio sogno per la mia comunità Kireke, che è stata in una situazione di disperazione e povertà assoluta, è che continui sulla strada della trasformazione e diventi un esempio per altri quartieri e villaggi del mio paese.

Il mio sogno personale è che, per grazia di Dio, io possa rimanere un uomo che dedica la sua vita a servire Dio e a dare un contributo al futuro della sua nazione.

Il mio sogno per il bambino che sostengo, Benjamien (con Compassion) in Tanzania è che cresca per essere un adulto cristiano di successo, integro, che segue Gesù e possa vivere i suoi sogni senza limitazioni. Se il suo sogno è quello di diventare un leader, voglio che sia in grado di farlo. Se il suo sogno è quello di diventare un padre di famiglia e un agricoltore, voglio che sia in grado di diventarlo.

L’importante per me è che abbia tutto ciò di cui ha bisogno per diventare ciò che vuole diventare.

La tua vita è iniziata bene. Dopo l’omicidio di tuo padre, sei scivolato nella povertà. Più tardi, grazie al sostegno a distanza, la tua vita ha preso un’altra piega. Saresti una persona diversa senza questi due importanti episodi?

Sì, sarei sicuramente una persona diversa. Ma la sofferenza aiuta a sviluppare una forza straordinaria. La sofferenza ti dice cosa è importante nella vita. Ti ripulisce dalle distrazioni. Purifica la persona, come l’oro attraverso il fuoco.

Se mettiamo gli occhiali giusti per vedere la miseria, possiamo scoprire nuovi doni dentro di noi. In caso contrario, la sofferenza ci distruggerà. Ecco perché il mentoring, l’incoraggiamento e la formazione sono così importanti: cambiano la nostra prospettiva. Se nessuno ti dice che puoi farcela, la povertà e la sofferenza possono ucciderti.

Che cosa in particolare ha fatto la differenza nella tua vita?

Sono molto grato di aver avuto un padre spirituale, un mentore. Peter mi chiamava suo figlio e mi trattava come tale. Ogni volta che mi scoraggiavo, lui mi dava nuovo coraggio. 

So di essere stato fortunato. Ci sono alcuni bambini in povertà – compresi i bambini sostenuti – che non sentono quella voce di incoraggiamento e si arrendono alla povertà. Il dolore e la sofferenza sono troppo forti a volte.

Mi sento privilegiato. Visito regolarmente i centri Compassion per incoraggiare i bambini a perseverare.

Quanto a me, non sarei qui, se Compassion non avesse incrociato il mio cammino. Molti amici non ce l’hanno fatta. Daniel, il mio amico d’infanzia, era intelligente. I suoi genitori sono morti. A differenza mia, lui non aveva sostenitori. Un giorno, dopo una grande tempesta, il suo corpo fu spazzato via dal fiume che passava sotto il ponte su cui stava dormendo.

Cosa hai imparato attraverso il sostegno? 

Una singola decisione può cambiare la vita di un bambino. Il sostegno ha cambiato decisamente la mia. Non ci vuole molto per cambiare la vita di un bambino. Permettere a un bambino di vivere la sua infanzia non è difficile da realizzare. Ognuno di noi, quando si guarda intorno, vede che è possibile fare la differenza nella vita dei bambini. È una questione di scelta.

Il personale dei centri Compassion è veramente ammirevole. Anche nei loro giorni di riposo, molti cercano i bambini sostenuti per incoraggiare loro e le loro famiglie. Hanno tutto il mio rispetto.

Compassion combatte la povertà estrema attraverso il sostegno a distanza dei bambini. È un modo efficace?

Sono convinto di questo per tre ragioni. La prima è che io stesso sono la prova dell’efficacia del programma sostegno a distanza. La seconda è che il sostegno ha successo perché è a lungo termine ed è coerente.  Accompagna il bambino per un lungo periodo di tempo affinché possa sviluppare il suo potenziale. La mia esperienza mi ha dimostrato che le ONG che lavorano con progetti a breve termine tendono solo a peggiorare la povertà. Se si aiuta un bambino tra i 6 e i 12 anni e poi ci si ritira dalla sua vita, il rischio che abbandoni la scuola è molto alto. Compassion si impegna ad aiutare il bambino a ottenere un’istruzione e un lavoro e a sostenerlo olisticamente. La terza  è che, oltre al sostegno e all’incoraggiamento individuale, creiamo anche strutture nell’ambiente dei bambini attraverso le quali possono essere protetti. E poiché il sostegno è a lungo termine, l’infrastruttura può anche essere ben sviluppata e mantenuta.

Compassion lavora esclusivamente con le chiese locali. Quali sono i vantaggi di questa collaborazione?

La chiesa è presente nella società. La gente conosce i pastori. I pastori conoscono il tessuto sociale, le famiglie e la cultura locale. La povertà è complicata. Bisogna capire la povertà a livello locale. 

La maggior parte delle ONG considera il loro coinvolgimento come un lavoro. Le chiese vedono il loro partenariato con Compassion come una missione condivisa. In un contesto spesso corrotto, la chiesa rimane un partner più onesto e  affidabile di altri.

Pensi che sia possibile porre fine alla povertà estrema?

Nella mia baraccopoli, 19.000 famiglie vivevano con meno di un dollaro al giorno. La malaria era un rischio costante. È così che sono cresciuto. Qualche anno dopo, abbiamo iniziato a pulire le strade, a formare la popolazione alle buone pratiche igieniche e a insegnare la prevenzione sessuale. Abbiamo costruito infrastrutture. 

Proprio ora a maggio, abbiamo celebrato il diploma di 21 ex prostitute come cuoche e parrucchiere. 

Sì, è possibile superare la povertà. Come ex bambino sostenuto, questo è un impegno che mi sta particolarmente a cuore.

Ma questo è possibile senza diventare dipendenti dagli aiuti?

Il pericolo di diventare dipendenti esiste con gli aiuti allo sviluppo a breve termine. Non dà potere né all’individuo né alla popolazione. Se invece sono formato in competenze economiche, sociali, ingegneristiche, ecc… potrò crescere nell’indipendenza. 

Hai tenuto conferenze in Svizzera per due settimane a maggio. Cosa hai osservato e cosa vorresti dire agli svizzeri?

Ho visto che il vostro paese è benedetto. E vorrei dirvi di contare quanto Dio vi benedice: nominate ogni singola benedizione, una per una. 

Voglio anche ricordarvi che è passato molto tempo da quando c’è stato un momento così critico come oggi in cui si parla di bambini che vivono in povertà. La pandemia ha ulteriormente indebolito i più poveri. Molte persone in Svizzera possono sostenere un bambino. Se potete, decidete di farlo oggi stesso. Domani potrebbe essere troppo tardi per molti bambini

Intervista di Christian Willi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Vuoi anche tu fare la differenza nella vita di un bambino che vive in estrema povertà? Sostieni un bambino oggi.