Edwin

Edwin

  • No SVG support
    Paese: Colombie
  • No SVG support
    Età: 12
  • No SVG support
    Genere : Bambino
Sostieni Edwin oggi

Le vacanze sono finite, si torna a scuola!... Davvero?

una rapida panoramica sulla scolarizzazione nei paesi in cui Compassion è coinvolta.

All’inizio del nuovo anno scolastico, 4 bambini su 10 nei paesi dell’Africa orientale non sono ancora tornati a scuola, a causa delle restrizioni legate alla pandemia di Covid-19. Più in generale, il 66% di tutti i paesi del mondo non ha ancora visto un ritorno definitivo alla scuola per tutti i bambini.

Un anno complicato

A livello internazionale, l’UNICEF stima che 214 milioni di bambini (uno su sette) hanno perso almeno tre quarti del programma scolastico durante l’ultimo anno scolastico. Quattordici paesi hanno addirittura chiuso le loro scuole dall’inizio della pandemia, tra cui Bolivia, El Salvador e Bangladesh.

Una breve panoramica sulla scolarizzazione nei paesi dove lavora Compassion. Poiché la situazione cambia molto rapidamente, è possibile che nuovi cambiamenti siano già avvenuti da quando queste informazioni sono state raccolte.

*Le immagini di questa pagina sono state scattate prima della pandemia e non riflettono necessariamente la situazione attuale.

Africa

L’anno scolastico va da settembre a giugno per le scuole primarie/secondarie e le università private. Il periodo accademico per le università pubbliche è leggermente diverso.

Dall’inizio della pandemia, il normale calendario scolastico è stato interrotto. Sono state prese iniziative per insegnare attraverso i media come la televisione e la radio. Il governo ha deciso di permettere solo agli studenti di sostenere gli esami di licenza elementare e solo per due gradi. 

Le università e alcune scuole secondarie stanno usando piattaforme di e-learning per i corsi, ma questo richiede l’accesso a internet e a computer/dispositivi mobili che non sono sempre accessibili alle famiglie dei bambini sostenuti. 

L’anno scolastico dovrebbe riprendere normalmente per le università primarie, secondarie e private. Il calendario per le università pubbliche è ancora indeterminato. Le classi numerose dovranno essere divise per rispettare la distanza sociale (non più di 50 per classe) e dovranno essere applicate misure igieniche. 

Compassion sta lavorando alla creazione di programmi di borse di studio e all’acquisizione di attrezzature come tablet e computer. 

Sostieni un bambino in Burkina Faso

L’anno scolastico va da settembre a giugno. Per diversi mesi, non ci sono state lezioni in presenza. Le scuole secondarie private usano principalmente l’applicazione Telegram per smartphone per inviare compiti ed esami. Solo una minoranza di giovani ha potuto frequentare le lezioni e sostenere gli esami online. 

Il governo ha deciso che i genitori dovrebbero pagare il 50-75% delle normali tasse scolastiche per l’apprendimento online e gli esami, nonostante l’assenza di lezioni in presenza. Alcune scuole stampavano gli esami e li inviavano ai genitori, in modo che gli studenti potessero prenderli e restituirli alla scuola. A giugno, l’obiettivo era di rimandare gli studenti all’università durante l’estate per concludere il semestre. 

Compassion ha fornito radio agli studenti che non le avevano, affinchè potessero seguire i corsi a distanza.

Sostieni un bambino in Etiopia

Le scuole del Ghana hanno optato per un approccio misto e, da una prospettiva locale, piuttosto complesso. L’anno scolastico va da settembre a giugno. Durante il periodo della coabitazione, gli studenti delle scuole superiori sono stati mandati a casa e le scuole hanno sviluppato sistemi di insegnamento online. A giugno, tutti gli studenti universitari dell’ultimo anno sono stati richiamati per le lezioni in presenza e gli esami. L’Università del Ghana ha tenuto una cerimonia di laurea online.

Anche tutti gli studenti anziani sono stati mandati a casa e sostenuti dal governo attraverso l’istruzione a distanza. Infine, gli studenti della scuola superiore sono stati richiamati per le lezioni in presenza e gli esami. Attualmente sono a scuola e si stanno preparando per gli esami finali di settembre. 

Tutti gli altri studenti sono a casa a lavorare attraverso il programma di apprendimento a distanza del Ghana Education Service (GES). Il GES, in collaborazione con l’UNICEF, ha anche istituito un programma di lettura radiofonica per le classi elementari 1-4 sulla radio nazionale. 

I centri di sviluppo infantile Compassion hanno messo in atto diverse misure per sostenere i bambini e gli studenti delle scuole. Qui, hanno incoraggiato personalmente i bambini a lavorare sodo; lì, hanno distribuito compiti settimanali per prepararli agli esami e aiutarli a raggiungere buoni risultati. Altrove, hanno riunito i bambini in piccoli gruppi per il tutoraggio. Infine, alcuni centri hanno comprato delle mini-radio per i bambini, in modo che potessero seguire le lezioni mandate in onda dal governo per radio.

Sostieni un bambino in Ghana

L’anno scolastico va da settembre a giugno per l’università e da gennaio a novembre per tutti gli altri livelli, con pause semestrali. Tutte le scuole in Kenya sono di nuovo aperte. Il governo ora vuole tornare alla normalità il più veloce possibile.

Durante il blocco, alcune scuole pubbliche hanno offerto lezioni online e hanno inviato agli studenti le prove d’esame.

“Il Kenya Curriculum Development” ha sviluppato lezioni da trasmettere in televisione e alla radio. Le università hanno offerto apprendimento virtuale, esami e diplomi, il tutto in stretta conformità con gli standard di qualità della Commissione per l’istruzione superiore.

Dai Centri Compassion gli studenti hanno ricevuto libri di testo, lampade solari e radio per ascoltare programmi educativi. Compassion ha finanziato l’acquisto di pacchetti dati per dispositivi mobili per permettere agli studenti della scuola secondaria e dell’università di partecipare ai corsi online, il materiale didattico stampato dato ai bambini e il supporto richiesto per accedere alle piattaforme di apprendimento.

Sostieni un bambino in Kenya

Tutte le scuole e le istituzioni accademiche sono sotto chiave dal marzo 2020. 

In Ruanda, il normale anno scolastico va da gennaio a dicembre. Ma dall’inizio della pandemia, non c’è stato alcun apprendimento a distanza o online a parte le lezioni programmate in TV e alla radio. Questi ultimi non sono molto utili per le famiglie senza televisore (la maggior parte delle famiglie di bambini sostenuti). Inoltre, non portano agli esami, ma semplicemente tengono i bambini occupati quando la scuola è chiusa. Le istituzioni educative dovrebbero iniziare a settembre e il metodo di insegnamento sarà determinato dalle autorità governative competenti.

L’ultima notizia è che gli esami per l’istruzione superiore sono stati convocati per l’estate.

I centri di sviluppo infantile di Compassion forniscono l’incoraggiamento a lavorare sulle materie scolastiche e l’ulteriore coaching per gli studenti.

Sostieni un bambino in Ruanda

L’anno scolastico va da gennaio a dicembre per le scuole primarie e secondarie e da settembre a giugno per gli studenti universitari. 

In questo paese, il cui defunto presidente non ha riconosciuto a lungo la realtà della pandemia, la vita scolastica non è cambiata molto. Tutte le lezioni erano già riprese di persona a giugno 2020. E durante le pause, il Ministero dell’istruzione e della formazione professionale ha offerto corsi online. Tuttavia, la maggior parte dei bambini sostenuti non ha potuto accedervi perché non aveva l’attrezzatura necessaria.

Sostieni un bambino in Tanzania

L’anno scolastico va da settembre a giugno per le scuole primarie e secondarie e da ottobre ad agosto per gli studenti universitari. 

Solo gli studenti della scuola primaria e secondaria iscritti alle classi dell’esame nazionale hanno iniziato le lezioni in presenza per l’ultimo anno scolastico. Ma alcune scuole stanno sperimentando la formazione online da marzo 2020. 

In entrambe le università, i corsi sono stati tenuti in un formato misto online e in presenza. I giovani del programma di mentoring si sono incontrati nei centri di sviluppo infantile per avere accesso ai computer e alla connessione internet. Questo ha dato loro accesso al corso e ha permesso loro di presentare i loro compiti. 

Gli esami si sono tenuti in tutto il paese. 46.503 candidati su 60.727 studenti registrati sono stati ammessi dopo un anno di prova per il baccalaureato, un tasso di successo del 76,5%.

Compassion ha offerto assistenza educativa a 896 giovani iscritti alle scuole secondarie. Questo intervento mira a fornire tasse scolastiche, tasse di laboratorio e materiale didattico. 

L’anno scolastico dovrebbe riprendere normalmente.

Sostieni un bambino in Togo

L’anno scolastico va da febbraio all’inizio di dicembre per le scuole primarie e secondarie, e da agosto a giugno per le università e i college. 

Il ministero dell’istruzione ugandese ha fornito un quadro per l’apprendimento continuo durante COVID-19. Il materiale didattico è stato distribuito sia fisicamente che online per gli studenti a casa. Inoltre, una guida è stata messa a disposizione dei genitori per aiutarli a sostenere l’apprendimento dei loro figli. Purtroppo, molti genitori non sono in grado di scaricarlo da Internet. Pertanto, i centri Compassion hanno aiutato gli studenti che non possono permettersi di stampare il materiale didattico online. 

Il governo offriva anche l’apprendimento alla radio e alla televisione per coloro che potevano accedere a questa tecnologia. Molti centri hanno organizzato la revisione dei compiti scolastici in piccoli gruppi di studio a casa o al centro. Non si sa ancora quando le scuole potranno riprendere normalmente.

Compassion ha incaricato e pagato insegnanti per lavorare con piccoli gruppi di studenti. I centri hanno anche finanziato e/o organizzato la stampa e la fornitura di materiale di studio. Infine, alcuni centri hanno allestito sale con computer che i bambini possono utilizzare per lo studio autonomo.

Sostieni un bambino in Uganda

Regione Asia

L’anno scolastico normalmente va da gennaio a dicembre. Il Bangladesh ha annunciato a luglio che le scuole sarebbero riaperte. Ma la chiusura prolungata delle scuole – dall’inizio della pandemia – non solo ha messo il paese nei primi tre stati con i periodi più lunghi senza scuola. Avrà un chiaro impatto sullo sviluppo e sulla sicurezza psicosociale dei bambini (compresi matrimoni e  gravidanze precoci).

Una minoranza di scuole aveva preso l’iniziativa di fornire corsi online attraverso lo zoom e/o Facebook.  Il governo ha trasmesso le lezioni in classe sulla rete televisiva nazionale. 

I centri Compassion supportano i bambini sostenuti principalmente attraverso visite a domicilio.

Sostieni un bambino in Bangladesh

L’anno scolastico va da luglio a giugno. Per il momento, tutti gli studenti continuano a studiare a casa. Naturalmente, alcune scuole hanno optato per l’apprendimento misto, dove gli insegnanti vanno a casa degli studenti. Ma la variante Delta – che ha colpito duramente l’Indonesia – ha portato alla chiusura di istituzioni accademiche per un periodo di tempo più lungo.

Il sostegno dei centri Compassion avviene principalmente attraverso visite a domicilio per fornire supporto ai bambini.

Sostieni un bambino in Indonesia

L’anno scolastico va da giugno ad aprile. Dall’inizio della pandemia, le scuole sono state chiuse e sono passate a diversi modelli di apprendimento a distanza.

Il governo aveva annunciato che le lezioni si sarebbero svolte il 13/09/2021 utilizzando tre modalità di apprendimento complementari (mix di corsi online, studio autonomo modulare e compiti stampati).

Gli studenti che non hanno accesso all’apprendimento online riceveranno moduli stampati da completare e presentare ogni semestre. Tuttavia, le autorità sottolineano che questo metodo di apprendimento può essere efficace solo con l’aiuto dei genitori.

Le lacune nel sistema di apprendimento prescritto sono immense e non è ancora chiaro quando le scuole riapriranno.

Compassion sostiene i bambini con visite a domicilio, sale computer appositamente attrezzate nel centro per bambini, tasse scolastiche e lezioni extra.

Sostieni un bambino in Filippine

L’anno scolastico va da gennaio a dicembre. Le scuole rimangono chiuse e nessun apprendimento in presenza è attualmente in corso. Ci sono stati periodi in cui alcuni gradi superiori hanno riaperto. Ma l’esercizio non è mai durato e hanno chiuso di nuovo. 

L’apprendimento a distanza e i corsi online sono stati avviati dalle autorità. Purtroppo, non tutti gli studenti e un certo numero di scuole avevano le strutture necessarie. Pertanto, non tutti i bambini e i giovani hanno beneficiato della misura. 

È previsto che le scuole riaprano a settembre in modo scaglionato, iniziando con le classi che sostengono gli esami nazionali e poi estendendo la misura ai gradi inferiori. 

I bambini hanno a disposizione libri e moduli per i compiti e le prove d’esame. Il personale del Compassion Child Development Centre fornisce il coaching e il follow-up per telefono. Dove possibile, è stato offerto anche un tutoraggio in piccoli gruppi. 

Sostieni un bambino in Sri Lanka

L’anno scolastico va da maggio a marzo, con alcune differenze per alcune università. 

Le scuole hanno riaperto nel luglio 2020 secondo le linee guida sanitarie e igieniche stabilite dal Centro di amministrazione della situazione COVID-19 (SACC). Questi includono il controllo della temperatura, l’uso di maschere, il lavaggio delle mani con sapone o gel disinfettante, la limitazione del numero di studenti per classe e scuola, e la pulizia frequente dei locali scolastici. 

Le attività che richiedono un contatto fisico sono rimaste proibite. Le classi sono state riorganizzate per consentire la distanza sociale. Quando le scuole hanno iniziato l’e-learning, la maggior parte dei centri ha aiutato i genitori e i bambini ad adattarsi alla nuova normalità. Con l’organizzazione dell’accesso a internet, con la fornitura di computer e tablet al centro di sviluppo infantile. 

Le chiese da cui dipendono i centri hanno organizzato attività in piccoli gruppi quando la scuola era chiusa. L’obiettivo era quello di fornire un ambiente sicuro per i bambini con i genitori che lavorano.

Sostieni un bambino in Thailandia

Regione America Latina e Caraibi

Il calendario scolastico va da febbraio a novembre. La Bolivia è tra i primi quattro paesi con le chiusure scolastiche più lunghe. Dal 16 marzo 2020, sono rimasti chiusi.

La scorsa estate, la Bolivia ha preso una decisione sorprendente. Terminando l’anno scolastico in corso in agosto, ha deciso che tutti gli alunni e gli studenti avevano superato il loro anno. Tutti loro potevano tornare al livello successivo nel nuovo anno scolastico, che sarebbe iniziato a febbraio.

Fortunatamente, sia alle scuole pubbliche che a quelle private è stato permesso di istituire corsi a distanza di propria iniziativa, al fine di sostenere l’apprendimento degli studenti. 

A metà settembre è stato lanciato un corso pre-universitario gratuito di dodici settimane. Il suo scopo era quello di aiutare gli studenti a identificare le loro attitudini e assisterli nel loro orientamento accademico. Questo corso beneficia tutti i diplomati della scuola secondaria del paese, più di 158.000 persone. 

Il Ministero dell’Educazione non ha ancora annunciato ufficialmente quando i bambini torneranno a scuola. 

Compassion Bolivia non ha messo in atto misure aggiuntive a quelle previste dal governo. Il governo fornisce la formazione degli insegnanti, l’accesso ai corsi a distanza delle organizzazioni educative e sussidi per i servizi internet.

Sostieni un bambino in Bolivia

L’anno scolastico va da gennaio a dicembre. Le scuole rimangono chiuse, con assistenza virtuale in alcune regioni. Poiché il Brasile è molto grande e ha diverse realtà sanitarie, i dati sul ritorno a scuola sono diversi e incerti. Una cosa è sicura, la ripresa dell’insegnamento in classe nelle scuole si sta organizzando per regione e in modo progressivo. 

Compassion Brasile ha deciso di istituire un programma per installare computer nei centri per bambini. È stato anche fornito un sostegno finanziario ai centri per assumere insegnanti e fornire supporto educativo locale ai bambini.

Sostieni un bambino in Brasile

Ci sono due calendari scolastici: quello più comune, da febbraio a novembre, è per le scuole pubbliche. L’altro è da agosto a giugno, che è usato principalmente dalle scuole private.

La ripresa dell’istruzione in presenza per tutti non è ancora avvenuta. Gli alunni vengono istruiti a distanza, in tre modi principali e distinti. 

Attraverso le classi virtuali: gli insegnanti comunicano con la loro classe in sessioni giornaliere di due o tre ore. In alcune scuole pubbliche, dove è iscritta la stragrande maggioranza dei bambini sostenuti, si usano mezzi virtuali per inviare fogli di lavoro in formato digitale e compiti da completare per gli studenti.

Le sessioni online di due o tre ore, permettono agli studenti e agli insegnanti di verificare che i compiti e i fogli di lavoro distribuiti siano stati ricevuti e compresi. 

Attraverso le comunicazioni WhatsApp: gli insegnanti inviano ai genitori dei fogli di lavoro che gli studenti devono completare e restituire entro un determinato periodo di tempo. Questo approccio è completato da sessioni di classe virtuale, una o due volte al mese.

Infine, in alcune delle comunità più rurali, le lezioni sono tenute via radio.

Dallo scorso settembre, sono stati avviati programmi pilota per la riapertura delle scuole. Si tratta di regioni in cui la pandemia ha avuto un impatto minimo o nullo. Con una serie di misure di sicurezza, il consenso dei genitori, ecc. Ma le scuole coinvolte dovevano impegnarsi a fornire un insegnamento a distanza alle famiglie che non si sentivano abbastanza sicure (dal punto di vista della salute) per mandare i loro figli a scuola. Infatti, le tasse scolastiche sono rimaste obbligatorie.

Una riapertura graduale era prevista da ottobre nelle scuole pubbliche. Per farlo, queste scuole hanno dovuto mettere in atto un piano di sicurezza sanitaria che prevedeva la presenza di un massimo del 35% del numero totale di studenti per classe. Il ritorno degli studenti anziani era una priorità. Ma questo piano è stato ampiamente contestato da insegnanti e genitori. Di conseguenza, la situazione è rimasta incerta e fluttuante per molto tempo.

Compassion ha finanziato l’installazione di più computer in un certo numero di centri e li ha resi accessibili ai bambini. Hanno anche distribuito l’accesso a internet WIFI nel loro ambiente immediato (quartiere, villaggio, ecc.) per la popolazione o finanziato pacchetti di dati per i telefoni cellulari delle famiglie dei bambini sostenuti. In alcuni casi, Compassion ha anche finanziato l’acquisto di telefoni cellulari per le famiglie più povere.

Inoltre, i centri si sono impegnati a stampare materiale scolastico e di studio e a metterlo a disposizione di bambini e studenti. E sono stati creati dei gruppi di lavoro, con piccoli numeri di personale, per permettere ai bambini di progredire nel loro lavoro con il sostegno del personale dei centri.

Un certo numero di famiglie, che hanno perso tutto o una parte significativa del loro reddito a causa del covid, hanno ricevuto denaro per le tasse scolastiche.

Sostieni un bambino in Colombia

L’anno scolastico va da settembre a giugno negli altopiani e nelle regioni amazzoniche. Sulla costa e nelle isole Galapagos, l’anno scolastico va da maggio a marzo. 

L’insegnamento in presenza non è ancora ripreso del tutto. La maggior parte degli studenti (in entrambe le regioni) sono e continueranno a seguire corsi online attraverso una piattaforma virtuale. Miglioreranno le loro capacità accademiche e promuoveranno interazioni positive con i loro coetanei e un uso positivo del loro tempo sullo schermo. 

Per coloro che non hanno accesso a Internet, c’è un piano di formazione TV e radio. Questo richiede la supervisione delle loro famiglie e il monitoraggio di un insegnante che è anche responsabile del processo di valutazione. 

Alcuni centri Compassion hanno offerto ai loro beneficiari l’uso dei computer della scuola per frequentare le lezioni virtuali. Questi sono stati divisi in tempi diversi per evitare che troppi bambini si riunissero. Altre famiglie sono riuscite a comprare dei tablet grazie a donazioni speciali dei loro sostenitori. In altri casi ancora, i centri partner di Compassion hanno stretto delle partnership con queste aziende, che permettono ai beneficiari di seguire i loro corsi online. 

Sostieni un bambino in Ecuador

Un normale anno scolastico va da gennaio a metà novembre. Le scuole sono state chiuse per molto tempo e hanno gradualmente riaperto. A giugno, solo 42 delle 6.000 scuole erano ancora completamente chiuse. La maggior parte ha optato per un’apertura parziale, due giorni alla settimana, a causa delle restrizioni dei covidi. La metà degli 1,2 milioni di studenti segue le lezioni online, per telefono, TV o radio, soprattutto quelli delle scuole pubbliche, che sono meglio attrezzate. Il governo spera di riaprire al 100% entro gennaio 2022.

Compassion si impegna a fornire l’accesso a strutture tecnologiche, telefoni cellulari. I suoi centri hanno anche fornito programmi di apprendimento a distanza, con i tutor che controllavano e supervisionavano il lavoro dei bambini. In particolare, si sono assicurati che i bambini fossero coinvolti in attività sportive regolari a casa.

Sostieni un bambino in El Salvador

L’anno scolastico va da gennaio a ottobre. Molto presto dopo l’inizio della pandemia, il Ministero dell’Educazione guatemalteco ha richiesto a tutte le scuole pubbliche di seguire un regolamento per assicurare la continuità dell’anno scolastico. Le scuole pubbliche hanno ricevuto un protocollo dal Ministero dell’Educazione per continuare l’insegnamento tramite fogli di lavoro.

Nelle scuole pubbliche, gli studenti hanno seguito corsi online tramite Zoom a partire da marzo 2020. L’implementazione non è stata facile, anche a causa delle sfide tecniche per le scuole, gli insegnanti e le famiglie.

Da febbraio, le scuole sono tornate in sessione. A causa delle direttive sanitarie, le classi sono divise in gruppi più piccoli e frequentano la scuola a turni.

Compassion ha finanziato pacchetti di dati per permettere alle famiglie di seguire le lezioni a distanza dai loro telefoni. Ma molte famiglie dei bambini sostenuti non hanno l’attrezzatura necessaria.

Sostieni un bambino in Guatemala

L’anno scolastico va da settembre a giugno. Le attività scolastiche sono gradualmente riprese dall’agosto 2020 e tutti i livelli sono in corso, comprese le università. Per quelle scuole che sono state in grado di completare il loro anno scolastico durante il blocco attraverso corsi online, hanno riaperto immediatamente con il nuovo anno. 

Coloro che non sono riusciti a completare il programma dell’anno precedente, hanno fatto ogni sforzo per completare l’anno scolastico entro ottobre. E hanno iniziato il nuovo anno scolastico a novembre. La maggior parte dei bambini sostenuti è caduta nel secondo scenario e non ha completato l’anno scolastico. 

Quando l’anno scolastico è ricominciato, la maggior parte delle scuole ha usato un approccio ibrido, con qualche insegnamento in presenza e qualche lavoro a distanza. Ad Haiti, ogni centro Compassion ha anche una scuola.

Tra le misure adottate dai centri c’è stata la creazione di gruppi WhatsApp, soprattutto all’inizio della pandemia, per sostenere, allenare, incoraggiare e aiutare gli studenti a rivedere il materiale.

Il recente terremoto ha fatto molte vittime e distrutto molti edifici scolastici. Il programma scolastico sarà certamente influenzato da questo nuovo disastro naturale.

Sostieni un bambino in Haiti

Il calendario scolastico pubblico in Honduras va da febbraio a novembre. La maggior parte dei bambini sostenuti frequenta la scuola pubblica.

La maggior parte delle scuole è rimasta chiusa dall’inizio della pandemia. Anche se l’economia si sta gradualmente riprendendo, le scuole saranno una delle ultime istituzioni a riaprire. Le autorità avevano annunciato un divieto di riapertura delle scuole fino al 5 luglio 2021. Alcune scuole hanno scavalcato il divieto e hanno organizzato la ripresa delle lezioni su base semi-formale.

Compassion ha partecipato alla tavola rotonda delle organizzazioni che sostengono il sistema educativo honduregno. I suoi portavoce hanno chiesto che i bambini delle famiglie più vulnerabili abbiano la priorità nella ripresa graduale delle lezioni in presenza. Il paese, ha visto un aumento degli abbandoni scolastici. Da 900.000 bambini e giovani fuori dal sistema educativo nel 2019, questa cifra era già salita a 1,2 milioni di casi all’inizio del 2020. Gli esperti stimano che potrebbe salire a 2 milioni di bambini a causa della chiusura prolungata delle scuole.

Durante la pandemia, del materiale è stato inviato da internet, dal telefono e dalla televisione. Nelle zone rurali, le lezioni sono state tenute principalmente via radio. Gli insegnanti hanno anche assunto il compito di distribuire materiale stampato per i compiti a casa.

Il governo avrebbe voluto che gli operatori di telefonia mobile e internet fornissero ai bambini e ai giovani l’accesso gratuito alle classi virtuali. Purtroppo i negoziati non hanno avuto successo. 

Uno studio dell’Osservatorio Universitario dell’Educazione Nazionale ha scoperto che quasi sei famiglie su dieci in Honduras hanno accesso al computer, la metà delle famiglie ha accesso a internet sul proprio telefono, ma meno di quattro famiglie su dieci possono permettersi di coprire i costi del consumo di dati internet per un breve periodo di tempo. L’81% delle famiglie non può permettersi di farlo a lungo termine.

Il sostegno di Compassion ai bambini registrati nei programmi e alle loro famiglie durante la pandemia si è concentrato sul soddisfare i loro bisogni primari di salute fisica, spirituale e socio-emotiva. Inoltre, i kit scolastici sono stati sviluppati e distribuiti dalla stragrande maggioranza dei centri di sviluppo infantile. Infine, il personale di questi centri ha assistito attivamente con il tutoraggio e la formazione nell’uso delle piattaforme di apprendimento online.

Sostieni un bambino in Honduras

L’anno scolastico va da agosto a luglio. L’anno scolastico 2020-2021 è iniziato il 24 agosto via televisione con orari scaglionati per i diversi livelli scolastici, integrati da sessioni di Zoom con i loro insegnanti. Le autorità hanno annunciato che la scuola inizierà quest’estate, tenendo conto dell’evoluzione della situazione sanitaria.

Compassion è particolarmente coinvolta nella fornitura di materiale scolastico e altri materiali per i bambini.

Sostieni un bambino in Messico

L’anno scolastico dura da febbraio all’inizio di dicembre. Il Nicaragua è l’unico paese della regione latinoamericana che ha fornito un insegnamento in presenza dall’inizio della pandemia. Gli studenti erano quindi tenuti a frequentare la scuola. 

Tuttavia, la maggior parte delle scuole pubbliche sono state autorizzate a sviluppare corsi online. Si stima che il 20% degli studenti ne abbia avuto accesso. 

Il Ministero dell’Educazione ha successivamente permesso l’uso di guide di studio o di compiti a casa. E i canali televisivi e radiofonici ufficiali sono stati utilizzati per fornire lezioni. 

I tutor dei centri Compassion si sono impegnati a fornire follow-up, incoraggiamento e supporto accademico ai bambini tramite telefono e messaggi, o portando materiale stampato alle famiglie.

Sostieni un bambino in Nicaragua

L’anno scolastico va da marzo a dicembre. Il Perù ha vissuto un periodo altalenante tra chiusure totali e parziali delle scuole. Una strategia chiamata “imparo a casa” è stata principalmente impiegata, con lezioni alla radio, alla televisione e attraverso l’uso di una piattaforma online. Le classi erano organizzate per età, dall’istruzione iniziale alla scuola superiore. I direttori di ogni scuola sono stati invitati a definire con i loro insegnanti il controllo e l’uso delle risorse secondo la realtà degli alunni.

In alcune aree rurali e remote, i bambini hanno continuato a frequentare la scuola in presenza. Con poca o nessuna infezione da covid. Ma le lezioni si tengono all’esterno.

Il Ministero dell’Educazione ha annunciato che l’apprendimento a distanza continuerà fino alla fine dell’anno nella maggior parte del paese. Tuttavia, gli studenti delle zone rurali affrontano molti problemi con l’apprendimento a distanza, a causa della mancanza di connessione a Internet o di strumenti elettronici per seguire i corsi. I corsi alla televisione o alla radio affrontano l’ostacolo della capacità dei genitori nelle zone rurali, soprattutto per sorvegliare e sostenere i bambini piccoli.

Compassion ha fornito ai genitori dei bambini sostenuti informazioni e formazione sulla strategia educativa del governo. Ha aiutato i genitori e i bambini a organizzare il loro lavoro scolastico, a pianificare i loro studi. Gli insegnanti sono stati assunti dai centri di sviluppo infantile per fornire supporto accademico ai bambini e impedire loro di abbandonare la scuola.

Compassion ha anche aiutato i bambini più grandi a richiedere borse di studio per accedere all’istruzione superiore.

Alcuni centri Compassion hanno fornito tablet ai giovani per aiutarli a continuare la loro istruzione a distanza.

Sostieni un bambino in Perù

Il calendario scolastico va da agosto a giugno.

Per facilitare l’apprendimento a distanza, il governo dello stato caraibico aveva annunciato che avrebbe distribuito computer portatili a circa 64.000 studenti delle scuole superiori e 4.600 insegnanti tra marzo e giugno 2020.

Tuttavia, le scuole sono rimaste chiuse e per mesi non c’è stato alcun insegnamento frontale. A metà febbraio, il presidente ha annunciato che 220’000 insegnanti nel paese sarebbero stati vaccinati.

Il governo prevede di iniziare l’anno scolastico e universitario a settembre. Si prevede che tutti gli studenti potranno tornare a scuola senza limiti di capacità, poiché la vaccinazione è già in fase avanzata (a luglio, il 62% della popolazione ha ricevuto almeno una vaccinazione). Il Ministero dell’Educazione ritiene che indossare maschere nelle aule sia la migliore strategia di protezione.

Secondo uno studio condotto dalla Banca Mondiale e da USAID e pubblicato l’8 luglio 2021, il 90% degli studenti di 15 anni è al di sotto del livello minimo di competenza basato sugli standard internazionali. Prima della pandemia, questa cifra era del 79%. La chiusura della scuola è stata una delle più lunghe al mondo con 171 giorni. Il governo si sta preparando per un tasso di abbandono storicamente alto per il prossimo anno scolastico.

Un’altra grande sfida è misurare l’apprendimento degli studenti a casa. Secondo i dati del governo, gli studenti trascorrevano al massimo 3 ore al giorno nell’apprendimento a distanza, e in alcuni casi anche solo un’ora.

La strategia del Ministero dell’Educazione era quella di impartire le lezioni attraverso la televisione, la radio, gli opuscoli, i computer e i tablet. Ma solo il 50% degli studenti aveva accesso alla televisione, e questo numero è sceso al 25% entro il 2021. Le lezioni tramite la radio erano poco utilizzate. Solo il 21% degli studenti aveva accesso a computer o tablet. 

La migliore strategia era quella dei libri per i compiti che gli studenti potevano portare a scuola. Almeno l’84% degli studenti li ha ricevuti, ma non ci sono ancora dati sul fatto che gli stessi abbiano restituito o meno questi materiali.

Negli ultimi mesi, i centri di Compassion hanno offerto un curriculum digitale. Ci sono 18 programmi diversi in totale. E i bambini e le loro famiglie seguono questi corsi da casa.

Sostieni un bambino in Repubblica Dominicana