La fame nel mondo, un impatto devastante - Compassion Svizzera
Shanny

Shanny

  • No SVG support
    Paese: Kenya
  • No SVG support
    Età: 1
  • No SVG support
    Genere : Bambina
Sostieni Shanny oggi

Non cè abbastanza cibo. È questo non cambierà per molto tempo.

L’insicurezza alimentare globale ha un impatto devastante sulla vita dei bambini e delle famiglie che vivono in povertà.

Nessuno è più colpito dalla crisi alimentare globale di coloro che già lottano per mangiare ogni giorno. I prezzi degli alimenti stanno aumentando in tutto il mondo a causa di conflitti, inflazione, condizioni climatiche estreme, siccità e pandemia di Covid-19, creano una crisi alimentare di enormi proporzioni.

Secondo la Banca Mondiale*, per ogni aumento dell'1% dei prezzi dei prodotti alimentari, 10 milioni di persone cadono in condizioni di estrema povertà.

Eli lotta per la sua famiglia

Nella regione di Karamoja, in Uganda, Eli è uno di quei padri che lottano ogni giorno per mantenere la propria famiglia. La situazione è ulteriormente aggravata da una banda di ladri di bestiame che derubano le famiglie di cibo e beni.

Una notte, Eli sente dei ladri di bestiame entrare nella sua proprietà. Non avendo modo di fermarli, fugge da casa. Sapeva che i banditi non avrebbero esitato a ucciderlo per evitare ritorsioni. Si nasconde rapidamente in un cespuglio vicino, da dove assiste impotente al saccheggio della sua casa e dei suoi beni, del suo bestiame e del cibo prezioso per la sua famiglia. Tutto ciò che aveva valore era sparito, compreso il denaro che aveva faticosamente risparmiato per potersi un giorno trasferire con la famiglia in una città vicina più sicura. Quel sogno svanisce in una notte. A Eli e alla sua famiglia non rimase più nulla.

La storia di Eli non è affatto un caso isolato tra le famiglie del Karamoja. Nella regione prevalgono paura, insicurezza, fame e disperazione.

compassion crise alimentaire ouganda

"Prima compravo un chilo di sorgo per 3.153 scellini (CHF 80), ma ora costa 8.366 scellini (CHF 2,10), gli arachidi costavano 5.238 scellini (CHF 1,30), ora costano 10.452 scellini (CHF 2,65). Tutto è aumentato. Riesco a malapena a guadagnare questa cifra per sfamare la mia famiglia."

La farina diventa un bene di lusso

In Uganda, la crisi ucraina ha portato a un aumento del prezzo del carburante e, di conseguenza, dell’inflazione. Ufficialmente, si tratta del 6,2% a livello nazionale, ma i prezzi sul mercato locale sono aumentati in media dell’80%. Per le famiglie che vivono in povertà, prodotti alimentari come la farina sono diventati un lusso dopo che il prezzo è aumentato del 150%, passando da 1800 scellini (CHF 0,45) a 4500 scellini (CHF 1,15).

Eli ha iniziato a coltivare ortaggi in casa per sfamare la sua famiglia, ma a causa del clima sfavorevole non riusciva a produrne abbastanza.

Il sostegno a distanza di Alice, ha permesso di lanciare una piccola impresa

La figlia di Eli, Alice, di cinque anni, è sostenuta da Compassion. Ha ricevuto un regalo dal suo sostenitore che ha permesso alla famiglia di poter avviare una piccola attività. Dopo la rapina, la famiglia di Alice ha ricevuto cibo dal personale locale del centro di sviluppo infantile di Compassion.

Eli e la sua famiglia sono solo un esempio delle tante famiglie in Uganda che ricevono sostegno e assistenza dai centri per bambini. “Le famiglie di quasi 50.000 bambini hanno ricevuto 56 chili di posho e 28 chili di fagioli, sufficienti a sfamare le loro famiglie per un mese”, riferisce Joseph, responsabile degli aiuti di emergenza di Compassion Uganda. “Speriamo che i bambini possano avere almeno due pasti al giorno per migliorare il loro benessere fisico e mentale”.

Gli aiuti alimentari sono fondamentali in questo periodo. Tuttavia, il personale di Compassion sta anche esplorando soluzioni a lungo termine, come l’irrigazione per consentire alle persone di coltivare tutto l’anno.

Il sostegno del centro di sviluppo infantile di Compassion ha dato speranza a Eli e alla sua famiglia. Nonostante la situazione sia ancora difficile, Eli sogna di ricostruire la sua “piccola impresa” per dare alla sua famiglia un futuro migliore.

Il numero di persone che soffrono la fame è raddoppiato

Eli non è l’unico a lottare per provvedere alla propria famiglia in questi tempi difficili. La crisi alimentare globale ne sta colpendo in tutto il mondo, spingendone molte sull’orlo della fame. Ad esempio, il numero di persone nel mondo che non hanno cibo a sufficienza è raddoppiato. 276 milioni di persone – quasi 35 volte la popolazione della Svizzera – si trovano oggi ad affrontare una grave insicurezza alimentare.

Quattro stagioni di pioggia... senza pioggia

Compassion è particolarmente ben posizionata per rispondere a questa crisi grazie alla collaborazione con oltre 8.000 chiese locali partner in 27 Paesi. Per rispondere alle esigenze dei bambini e delle famiglie a rischio di insicurezza alimentare, le chiese partner locali stanno fornendo soluzioni a breve e a lungo termine.  

Per un aiuto immediato, distribuiscono pacchi di cibo e trasferimenti di denaro alle famiglie vulnerabili; per garantire la sicurezza alimentare a lungo termine, distribuiscono sementi, fertilizzanti, attrezzi e bestiame. Forniscono inoltre formazione su come gestire gli appezzamenti e le piccole aziende agricole. “In molti altri Paesi africani, tra cui alcune zone del Burkina Faso e della Tanzania, non è caduta una sola goccia di pioggia in quattro stagioni di pioggia”, spiega Agnes Hotay, una delle responsabili dei programmi di Compassion in Africa occidentale.

Compassion ha lanciato il programma di emergenza in risposta alla crisi alimentare in dieci dei 27 Paesi in cui opera. “Purtroppo questa crisi alimentare continuerà per un lungo periodo di tempo”, sospetta Agnes Hotay. In Burkina Faso, ad esempio, Compassion ha avviato programmi di sostegno sia di emergenza che a lungo termine per garantire la sicurezza alimentare. L’obiettivo è fornire alle famiglie più vulnerabili strumenti e competenze per raggiungere un certo grado di autosufficienza alimentare.

Condividi il blog