Betty

Betty

  • No SVG support
    Paese: Uganda
  • No SVG support
    Età: 14
  • No SVG support
    Genere : Bambina
Sostieni Betty oggi

Ritratti emozionanti di madri sostenute dal programma di sopravvivenza di Compassion

Mentre il più recente progetto di sopravvivenza di Compassion veniva inaugurato a Bagamoyo, Tanzania, alcune mamme – e un papà! – hanno condiviso i loro pensieri su ciò che il futuro potrebbe riservare a loro e ai loro bambini.

Incontra le mamme di Bagamoyo, Tanzania

Una mattina umida di marzo, che è abbastanza tipica per la costa in Tanzania, madri in abiti colorati e kitenge variopinti si riuniscono in una chiesa pentecostale a Bagamoyo.

L’atmosfera è festosa e la musica gioiosa si sente ovunque.

Questa mattina segna il lancio di un nuovo programma di sopravvivenza – 14 madri in disperato bisogno di sostegno riceveranno cure mediche, la formazione di cui hanno bisogno e accompagnamento durante le loro gravidanze, in modo che i loro bambini sopravvivano e che possano guardare al futuro con speranza e fiducia.

In questa città, le donne sono troppo spesso abbandonate dai padri dei loro figli o spinte nel ruolo di capofamiglia, con poco tempo libero per crescere un bambino. Nel caldo torrido verso la fine della stagione secca, quando la fame è una minaccia esistenziale e l’aiuto medico è irraggiungibile, la chiesa locale aiuta le donne e i bambini che ne hanno più bisogno.

4 Ritratti di madri appena iscritte a un programma di sopravvivenza

Jedida Jafet, 30 anni

Sono incinta di otto mesi del mio terzo figlio. Mio marito è un gran lavoratore, ma riesce a trovare solo lavori occasionali nelle fattorie  o nelle case quando hanno piccoli compiti per lui. La vita qui è dura. È una sfida trovare cibo, trovare un posto per dormire o avere medicine.

Vorrei gestire la mia piccola impresa. Non credo di poter imparare un mestiere come quello della sarta. Vorrei invece diventare una commerciante. La mia più grande sfida in questo momento è non avere un letto. Metto solo una stuoia sul pavimento, stendo il mio kitenge e ci dormo sopra. Se riuscirò a mettermi in proprio, la prima cosa che farò sarà comprare un materasso.

Grace Shadrach, 20 anni

Quando ho scoperto di essere incinta, ero un po’ confusa, perché io e il mio ragazzo ci eravamo lasciati da circa un mese. L’ho informato della gravidanza, ha detto che non era vero, che non era lui il responsabile. Sono andata dal pastore, che ha chiamato la famiglia del mio ragazzo e ha organizzato un incontro.

La conversazione è stata molto difficile. Al punto che ho considerato di andare alla polizia. L’avrei fatto se si fosse rifiutato di riconoscere il suo bambino e di aiutarmi.

A volte, nella mia zona, la famiglia del padre si prende cura di te, ma dopo aver partorito, ti dicono: “Dacci il bambino e ti lasceremo andare. Lascia la città e inizia la tua vita da un’altra parte”.

In questo momento, l’unico futuro a cui posso pensare è quello di far nascere bene il bambino. Poi mi siederò e penserò a cosa fare.

Fatma Ramadhani, 39 anni

Ho sempre amato i bambini. Ogni volta che vedo dei bambini, voglio aiutarli, prendermi cura di loro. Ho cresciuto sei bambini in famiglia prima di avere un figlio mio. Guardatela! Sono così orgogliosa di mia figlia.

Mio marito è un agricoltore. Ora è tempo di raccolto e lui deve andare via per due settimane. Quando l’agricoltura non va bene, va a pescare. È così che si guadagna da vivere. Sono felice che abbia visto sua figlia prima di partire.

Mia nonna mi ha insegnato ad essere una madre. Mi ha ispirato con il suo amore, ma era anche molto disciplinata. Ora è morta,  penso che se potesse vedere me e mia figlia, sarebbe orgogliosa di noi!”.

Esther Yohana, 18 anni

Vivo con mio padre nella casa di mia nonna. Mia madre ci ha lasciato quando avevo otto mesi. Credo che sia viva ma non so dove vive.

All’inizio il mio ragazzo era d’accordo che il bambino fosse suo. Ma al quarto mese di gravidanza, ha negato la paternità. Sono ancora arrabbiata per questo. Non lo vedo più e non mi dà alcun sostegno. Non abbiamo mai parlato del futuro quando eravamo insieme. Ho scoperto che si è laureato l’anno scorso. Io invece, ho dovuto lasciare la scuola quando sono rimasta incinta.

Mia nonna è una contadina su un piccolissimo pezzo di terra. Al momento del raccolto, vende metà del suo raccolto e tiene l’altra metà per sfamarci. Con la metà che vende, paga anche le tasse scolastiche di mio fratello. Il nostro problema più grande è il cibo. Da quando sono rimasta incinta, è ancora più difficile. Ho fame, vorrei mangiare di più…. ma non riesco a trovare cibo”.

La tua donazione al programma di sopravvivenza di Compassion sostiene, equipaggia e forma mamme, papà, badanti e neonati, aiutandoli a sviluppare le competenze e il sostegno di cui hanno bisogno per una delle fasi più difficili della vita – il primo anno. Infatti, il primo passo per essere liberi dalla povertà è la sopravvivenza.

OBIETTIVO: 800 POSTI

Insieme a voi, quest’anno vogliamo dare a 800 donne una gravidanza sicura, un parto in una struttura medica, e ai loro bambini un inizio di vita sano.

insieme ne abbiamo già finanziati

0

CON CHF 15.-, SOSTIENI PER UNA SETTIMANA INTERA UNA DONNA INCINTA O UNA MADRE E IL SUO BEBÈ

Dona tramite un pagamento on-line sicuro, con Postfinance, Carta di Credito o Twint.

Per concretizzare la donazione mensile, optate per un primo pagamento con carta di credito o bonifico bancario (schede sopra). Compassion Svizzera invierà succesivamente le informazioni per eventuali trasferimenti.

I miei dati personali

Le tue donazioni a Compassion sono deducibili dalle tasse in Svizzera.

Potete fare la vostra donazione tramite bonifico postale o bancario.
Qui di seguito troverete i dettagli per il pagamento.

Postfinance CCP 17-312562-0
IBAN CH07 0900 0000 1731 2562 0
BIC POFICHBEXXX

Grazie di indicare nel “motivo di versamento” se desiderate fare una donazione mensile o singola aggiungendo la menzione "CSP"