disabilità: le mura della solitudine si sono sgretolate
Jean

Jean

  • No SVG support
    Paese: Togo
  • No SVG support
    Età: 19
  • No SVG support
    Genere : Bambino
Sostieni Jean oggi

Per Denise, le mura della solitudine si sono sgretolate in un istante.

Una giovane donna del Togo beneficiaria del programma di sopravvivenza di Compassion

Denise è una giovane mamma che vive in una città di quasi 60.000 abitanti, Tsevie, a nord della capitale del Togo. Sposata e ora mamma, Denise ha avviato una piccola attività per integrare il reddito del marito, un calzolaio locale. Vende prodotti di bellezza per donne. Sebbene la sua vita si sia ora stabilizzata, non è sempre stato così.

Denise non ha mai conosciuto suo padre. L’ha rifiutata alla nascita. Come se non bastasse, è nata con due dita per mano, il pollice e il mignolo. Suo padre non era l’unico a ignorarla. I vicini e i compagni di scuola l’hanno sempre esclusa a causa della sua disabilità.

Stigmatizzazione, rifiuto e derisione erano il suo destino quotidiano. Denise era annegata in una profonda solitudine che la faceva sentire meno di un essere umano. Ha cominciato a pensare di non meritare di passare del tempo con le “persone normali”. Inoltre, si sentiva impotente perché non poteva fare nulla per cambiare la sua condizione.

Per proteggersi, si è ritirata in se stessa, evitando ogni contatto. Di conseguenza, non ha sviluppato la capacità di dialogare con altre persone oltre alla madre. 

Quando la madre non ha potuto più permettersi di pagare la scuola, Denise si è sentita sollevata. Finalmente poteva sfuggire al rifiuto quotidiano dei suoi compagni.

Trovare il proprio posto

Per sopravvivere, Denise si è buttata a capofitto nella vita come venditrice sulla piazza del mercato. È lì ha incontrato e sposato Claude, l’unico uomo che le abbia mai prestato attenzione. Ma il suo risentimento rimaneva. Il suo cuore non riusciva a guarire dal rifiuto che aveva subito fin dalla nascita.

Come molti altri membri della sua comunità, lei e suo marito faticavano a sbarcare il lunario. Le loro preoccupazioni sono aumentate quando hanno saputo che Denise era incinta del suo secondo figlio.

Disperata, si è rivolta al centro Compassion della chiesa locale. Ne aveva sentito parlare più volte come di un luogo che forniva sostegno alle donne in difficoltà.

Con sua grande sorpresa, Denise è stata accolta e ammessa al programma di sopravvivenza per mamme e bambini. Ma non immaginava che tutto sarebbe cambiato per lei. Le barriere che l’avevano isolata sono cadute all’istante. “Per la prima volta ho ricevuto attenzione. E ho avuto accesso a un sostegno che non avevo nemmeno immaginato”.

Una giovane donna del Togo con disabilità alle mani, sostenuta da Compassion
CON 62 CHF, SOSTIENI UNA DONNA INCINTA O UNA MADRE CON IL SUO BAMBINO PER UN MESE INTERO

UN PROGRAMMA INCORAGGIANTE

Il programma di sostegno per le donne incinte e le mamme e i loro bambini le ha permesso di fare amicizia e di essere incoraggiata dall’amore, dalle cure e dalla formazione del centro. Da quel momento in poi, Denise non ha più dato importanza ai commenti della gente sulla sua disabilità. “Ora so di essere degna e di essere un essere umano a pieno titolo, come tutti gli altri. La mia disabilità non è un limite a ciò che posso fare o essere. Il personale mi ha insegnato a non preoccuparmi della mia condizione fisica. Non temo più alcun giudizio”. Che sollievo!

tre giovani donne ridono e chiacchierano in un centro Compassion in Togo

"Ora so di essere degna e di essere un essere umano a pieno titolo, come tutti gli altri. La mia disabilità non è un limite a ciò che posso fare o essere."

Un tempo così timida e timorosa da non riuscire a parlare con nessuno se non con sua madre, Denise ha acquisito fiducia in se stessa e ha imparato ad affrontare qualsiasi comportamento discriminatorio senza subirlo. Ancora meglio, Denise, che non aveva mai avuto una sola amica, ora ne ha molte nel centro di sopravvivenza di Compassion. Lei, che era sempre chiusa in se stessa, ora parla e interagisce con molte persone. La sua autostima è stata ricostruita.

Ha anche ricevuto un sostegno attraverso la formazione in un’attività generatrice di reddito. È felice di essere riuscita a sviluppare la sua piccola attività di prodotti di bellezza e a contribuire al reddito della sua piccola famiglia. La sua vita si è stabilizzata e i suoi figli crescono.

Con una donazione, puoi aiutare altre donne come Denise a dare ai loro neonati un buon inizio di vita.