Nascita: un parto in tutta tranquillità
Ajoy

Ajoy

  • No SVG support
    Paese: Bangladesh
  • No SVG support
    Età: 4
  • No SVG support
    Genere : Bambino
Sostieni Ajoy oggi

"Non avremmo avuto i soldi per pagare il cesareo"

Mentre Jeannette arrotola perline colorate su un filo per decorare una borsa, i suoi gemelli cercano di afferrarle per giocarci. Il volto della donna ruandese è raggiante quando parla della nascita dei suoi gemelli Juliette e Julius, che hanno 18 mesi, mentre spinge da parte il piatto di perline per evitare che i suoi figli le spargano sul pavimento.

Una famiglia beneficiaria del programma di Compassion in Ruanda con in braccio i propri figli,

“Ero incinta di cinque mesi. Era la mia prima visita prenatale. Non dimenticherò mai di aver sentito il battito del cuore di un bambino non ancora nato. È stato incredibile. Ma è stato anche il momento in cui ho scoperto di aspettare due gemelli”, racconta Jeannette.

D'urgenza all'ospedale

Le madri sostenute dal programma di sopravvivenza per mamme e bambini di Compassion beneficiano di un’assistenza prenatale e di corsi di maternità che si concentrano sull’importanza di una dieta equilibrata e sui suoi effetti sul nascituro. “Scoprire che avrei avuto due gemelli mi ha reso ansiosa. Così come la prospettiva di dover allattare due bambini, di dover calmare i loro pianti… Fortunatamente, durante i corsi di preparazione alla maternità che io e mio marito abbiamo frequentato, le formatrici ci hanno dato consigli e ci hanno mostrato come prenderci cura dei nostri bambini”, racconta questa mamma di gemelli, che ora è orgogliosa di esserlo.

A 34 settimane, Jeannette ha sviluppato complicazioni che l’hanno portata d’urgenza in ospedale. Stava perdendo molto sangue. “È stato a notte fonda che ho iniziato a sentire un forte dolore nella parte bassa della schiena. Essendo la mia prima gravidanza, non sapevo che avrei partorito. Ma quando ho visto il sangue, l’ho detto a mio marito e siamo corsi in ospedale. L’assistente sociale del Centro di sopravvivenza per mamme e bambini è stata una delle prime persone a raggiungerci”, spiega Jeannette.

I gemelli subito dopo la nascita, assistiti in un'unità neonatale

I primi giorni nell’unità di cura neonatale.

Parto con taglio cesareo

I gemelli sono nati con parto cesareo. Juliette pesava 1,9 kg e Julius 2,1 kg. Di conseguenza, hanno trascorso diversi giorni nel reparto di terapia intensiva neonatale. “Fortunatamente siamo stati sostenuti dal programma di sostegno per mamme e bambini. Io e mio marito non saremmo stati in grado di pagare le spese ospedaliere, compreso il parto cesareo”, confessa la giovane mamma.

Ero incinta di cinque mesi. Era la mia prima visita prenatale. Non dimenticherò mai di aver sentito il battito del cuore di un bambino non ancora nato. È stato incredibile"

Supporto nutrizionale essenziale

“Quando i bambini sono stati dimessi dalla terapia intensiva neonatale, abbiamo dovuto praticare il metodo della madre canguro per quasi due settimane. Era essenziale che i gemelli prendessero peso prima di tornare a casa. 

Durante questo periodo, il personale e gli altri assistenti del centro ci hanno portato il cibo, poiché i nostri parenti vivono molto lontano”, spiega il marito e papà Regis. Jeannette ha ricevuto un supporto nutrizionale sotto forma di cereali, verdure e frutta per aumentare la produzione di latte. Il personale del programma di Compassion ha anche fornito pannolini, vestiti per bambini, biberon, ecc. “Io e mio marito non saremmo stati in grado di comprare tutte queste cose per i gemelli”, aggiunge Jeannette.

Juliette e Julius a 18 mesi nella casa di famiglia in Ruanda

Juliette e Julius hanno 18 mesi. Sono seduti al centro della casa di famiglia.

Corso di artigianato

Quando i gemelli avevano quattro mesi, Jeannette ha frequentato un corso di artigianato per madri nell’ambito del programma di sopravvivenza per mamme e bambini. Ha imparato a decorare borse con perline e a realizzare collane e orecchini. “Le competenze acquisite grazie al progetto mi hanno aiutato a generare un reddito pur rimanendo a casa a prendermi cura dei gemelli. Non ho soldi per pagare una tata che mi aiuti a badare ai gemelli e non posso più fare lavori come la frantumazione di pietre nelle cave”. Suo marito ora vende le borse che lei produce.

Jeannette può dedicarsi a un'attività artigianale dopo la nascita dei suoi gemelli

Jeannette al lavoro, osservata dai suoi due figli.

Assicurare una gravidanza, un parto e il primo anno di vita del bambino a una mamma è un regalo meraviglioso.