La crisi alimentare è grave - Compassion Svizzera
Zoulaïka

Zoulaïka

  • No SVG support
    Paese: Burkina Faso
  • No SVG support
    Età: 8
  • No SVG support
    Genere : Bambina
Sostieni Zoulaïka oggi

La crisi alimentare è grave

Durante la pandemia Covid, Compassion ha distribuito l’equivalente di oltre 300 milioni di pasti in pacchi alimentari alle famiglie senza reddito o con reddito insufficiente. A causa dell’aumento del prezzo di cibo, cereali e sementi, questo programma di sostegno alle famiglie più vulnerabili dei bambini sostenuti da Compassion viene riattivato.

Crise alimentaire Compasssion

La crisi in Ucraina sta dimostrando quanto siano vulnerabili i nostri sistemi di approvvigionamento energetico e alimentare. I prezzi dei cereali sono esplosi. I prezzi degli alimenti stanno aumentando in modo consistente.

Cosmas guardò scioccato la bambina che aveva davanti. La madre Anantalia ha detto che Emiliana aveva sei mesi. Ma con i suoi occhi enormi e gli arti minuscoli, Emiliana sembrava invece una bambina di due.

In Tanzania, una siccità aveva distrutto le scorte di cibo del villaggio e di conseguenza Emiliana era gravemente malnutrita. In passato, il suo villaggio aveva goduto di raccolti abbondanti ogni anno. Questo purtroppo non accade più da diverso tempo.

Non riuscendo a trovare un lavoro stabile nei campi in via di esaurimento, il padre non poteva provvedere al mantenimento di Emiliana e del fratello gemello. “Ero angosciato da quanto poco avessero per vivere”, dice Cosmas, che lavora al centro di sviluppo infantile di Compassion.

Il nostro fragile mondo si trova ad affrontare un’imminente crisi alimentare globale. Con la crescente estremizzazione del clima e la siccità che si scontrano con l’impatto della pandemia, il conflitto in Ucraina e l’aumento dell’inflazione, sempre più persone si trovano ad affrontare l’insicurezza alimentare.

«Quando mia madre non trovava cibo per noi, dormivamo a stomaco vuoto. La speranza di trovare qualcosa da mangiare il giorno dopo era la nostra unica consolazione»

Che cos'è l'insicurezza alimentare?

L’insicurezza alimentare si verifica quando una persona non ha accesso regolare a cibo sufficiente. Si verifica quando il cibo non è disponibile o non è accessibile. Una grave insicurezza alimentare significa che una persona non ha mangiato per un giorno o più. Questo può portare alla fame estrema.

Per i bambini, il risultato dell’insicurezza alimentare è devastante. La piccola Emiliana ha subito una grave perdita di peso come conseguenza diretta della malnutrizione. Se non cambia nulla, la malnutrizione può compromettere in modo permanente la crescita e lo sviluppo di un bambino.

Qual è la differenza tra insicurezza alimentare e carestia?

Quando l’insicurezza alimentare è diffusa e non si interviene con urgenza, si arriva alla carestia. La carestia è la forma più estrema di insicurezza alimentare: la totale mancanza di accesso al cibo. In una carestia, più del 30% della popolazione è malnutrita e le persone iniziano a morire di fame, riferisce il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite (PAM).

Cosa sta causando la crisi alimentare globale?

Ecco cinque motivi per cui il numero di famiglie che soffrono di insicurezza alimentare è in aumento.

I conflitti sono la principale causa della fame nel mondo. I conflitti sono responsabili del 65% delle persone che attualmente soffrono la fame e l’insicurezza alimentare. “I conflitti distruggono famiglie, comunità, infrastrutture, sistemi alimentari e intere regioni”, afferma Jimmy Mellado, presidente di Compassion International. Secondo il PAM, ogni notte 811 milioni di persone vanno a letto affamate e il numero di persone che devono affrontare una grave insicurezza alimentare è raddoppiato da 135 milioni a 276 milioni in due anni.

Per la catena di approvvigionamento alimentare globale, la guerra che coinvolge Russia e Ucraina da mesi è la cosa peggiore che possa accadere. Insieme, questi due Paesi forniscono quasi il 30% del grano mondiale, oltre a orzo, olio di girasole e mais. Attraverso le esportazioni, nutrono diversi miliardi di persone. Questa guerra sta portando il nostro fragile mondo verso la fame di massa, riporta The Economist.

Russia e Bielorussia sono anche due dei principali produttori mondiali di potassio, un ingrediente dei fertilizzanti. Gli agricoltori di tutto il mondo sono colpiti da questa crisi. Con le esportazioni russe bloccate da molti Paesi e la stagione di semina dell’Ucraina colpita dai combattimenti, un’enorme fonte di approvvigionamento alimentare mondiale è bloccata, interrotta. Secondo la Banca Mondiale, questa crisi sta colpendo soprattutto i Paesi in via di sviluppo. Questo perché sono più dipendenti dalle importazioni di cibo.

Il cibo è diventato improvvisamente molto costoso. Fare la spesa al supermercato o il pieno di benzina è diventato più costoso in tutto il mondo. La crisi in Ucraina sta esacerbando l’inflazione, rendendo ancora più difficile ottenere cibo a un prezzo ragionevole. Le famiglie delle economie emergenti spendono in media il 25% del loro budget per il cibo – fino al 40% nell’Africa sub-sahariana e al 60% ad Haiti. L’aumento del costo della vita potrebbe mettere le famiglie con figli in serio pericolo di vita. “L’aumento dei prezzi dei generi alimentari sta avendo un impatto devastante sulle popolazioni più povere e vulnerabili”, afferma David Malpass, Presidente del Gruppo della Banca Mondiale.

Le condizioni climatiche estreme, come uragani e siccità, aggravano la fame in tutto il mondo, riducendo i raccolti e facendo salire i prezzi dei prodotti alimentari. Molti dei Paesi più affamati del mondo dipendono dall’agricoltura come industria principale e mangiano stagionalmente a seconda del raccolto. Ciò significa che quando non c’è raccolto, spesso non c’è cibo. Il Corno d’Africa è in preda a una grave siccità dopo tre stagioni senza pioggia. Immagina che il tuo intero reddito non dipenda dal tuo lavoro o dalla tua esperienza, ma dal tempo. Immagina che tre anni di reddito siano stati cancellati perché non ha piovuto.

L’impatto del COVID-19 ha spinto più persone nella povertà. Le misure restrittive hanno devastato i mezzi di sussistenza delle famiglie, l’economia e interrotto le catene di approvvigionamento. Il risultato ha lasciato 1 persona su 8 in condizioni di grave insicurezza alimentare. Due anni dopo, queste famiglie stanno ancora lottando per mettere il cibo in tavola.

“Quando mia madre non trovava cibo per noi, dormivamo a stomaco vuoto”, racconta Emmanuel, 11 anni, in Togo. “La speranza di trovare qualcosa da mangiare il giorno dopo era la nostra unica consolazione”.

Cosa sta facendo Compassion per rispondere?

Durante la pandemia Covid-19, le nostre 8.000 chiese locali partner hanno distribuito l’equivalente di oltre 300 milioni di pasti in pacchi alimentari alle famiglie dei bambini sostenuti da Compassion, grazie all’eccezionale mobilitazione dei nostri sostenitori e donatori.

In Tanzania, la famiglia di Emiliana ha già ricevuto pacchi di cibo e latte in polvere. L’impatto per questa famiglia è stato immediato e positivo. “In poco tempo, Emiliana è riuscita a stare in piedi da sola. Non avrei mai pensato che sarebbe stata in grado di farlo”, dice suo padre, Amos.

I partner di Compassion non si limitano ad aiutare Emiliana, ma distribuiscono aiuti in alcuni dei Paesi più vulnerabili del mondo. La risposta è duplice: affrontare i bisogni nutrizionali urgenti ora e lavorare per una soluzione sostenibile che aiuti a porre fine alla fame.

I nostri partner locali :

> Forniscono pacchi alimentari e/o trasferimenti di denaro incondizionati alle famiglie a rischio di insicurezza alimentare.

> Garantiscono la sicurezza alimentare a lungo termine attraverso la distribuzione di sementi, fertilizzanti e bestiame, e forniscono formazione per la creazione e la manutenzione di appezzamenti e piccole aziende agricole.

Le nostre chiese partner e i loro centri per l’infanzia sono nella posizione migliore per aiutare in questa crisi, perché hanno costruito relazioni di fiducia per anni nella loro regione. C’erano prima, ci saranno durante e resteranno presenti anche dopo la crisi.

I centri Compassion sono preparati dal punto di vista logistico. La loro sfida più grande è quella di procurarsi le scorte alimentari ai prezzi più bassi possibili.

Insieme combattiamo la fame, ora.

Lotta con noi contro l’incombente crisi alimentare nei Paesi del Sud del mondo. È possibile effettuare una donazione una volta, saltuariamente o creare un ordine permanente per sei mesi.

Vorrei donare

Per concretizzare la donazione mensile, optate per un primo pagamento con carta di credito o bonifico bancario (schede sopra). Compassion Svizzera invierà succesivamente le informazioni per eventuali trasferimenti.

I miei dati personali
Si, sono a conoscenza della vostra politica sulla protezione dei dati


Le tue donazioni a Compassion sono deducibili dalle tasse in Svizzera.