96 Cadeau

Cadeau

  • No SVG support
    Paese: Haiti
  • No SVG support
    Età: 19
  • No SVG support
    Genere : Bambina
Sostieni Cadeau oggi

In fuga dal Venezuela: La storia della paura e della speranza di un ragazzo

6 Novembre 2019

Jesús Daniel è uno dei quasi quattro milioni di rifugiati venezuelani arrivati in Colombia negli ultimi tre anni. Tutti sono fuggiti dalla grave crisi politica ed economica nel loro paese. Jesús Daniel condivide la speranza che la sua famiglia ed altri immigrati venezuelani ricevano aiuto attraverso una chiesa locale, con il sostegno di Compassion.

"Viviamo una vita tranquilla a Valencia, in Venezuela. Andavo a scuola con mio fratello maggiore, José. E siccome ho sempre amato gli animali, prendevo cura anche del cavallo, maiali e polli della mia famiglia. Mia madre lavorava in un asilo pubblico."

Ma la crisi economica e sociale del nostro paese ha avuto i suoi effetti. Lo stipendio di sua madre non è più sufficiente a sostenere i bisogni fondamentali della famiglia. "Intorno a noi, molte persone nella stessa situazione hanno deciso di andarsene, in cerca di una migliore situazioni in altri paesi. Ma mia madre non voleva lasciare Venezuela. Ci siamo trasferiti da Valencia a Ureña, una città vicino al confine con la Colombia".

"Ero triste quando abbiamo venduto i nostri animali cosi' da poter trasferirici." A quel tempo, José giocava a baseball in un altro paese. Nonostante il suo talento, la sua carriera sportiva non durò a lungo. "Non riusciva a trovare uno sponsor, mia madre non aveva abbastanza soldi per sostenere le sue attività, e mio padre non ci ha mai aiutati. Così mio fratello rinunció al suo sogno di diventare un giocatore professionale e torno a casa. Cominició a lavorare con mia madre, per cuocere e vendere pane e pasticerie che vendevano".

LLa famiglia ha vissuto a Ureña per due anni, fino a quando la violenza civile si intensifica. "Un gruppo di guerriglieri locali ha cominciato a reclutare giovani, e mia madre temeva che saremmo stati reclutati anche noi."

Ricordo ancora la notte in cui abbiamo lasciato il nostro caro paese.

"Ero a casa quando all'improvviso ho sentito un sacco di rumore nella strada. Persone armate sono entrate in casa di un vicino nostro, alla ricerca di un determinato giovane. Dopo aver capito che non era lí, la banda si è arrabbiata e ha buttato la madre della famiglia dal secondo piano. E' caduta in strada e non è sopravvissuta.

Mio fratello José si è fatto prendere dal panico, piangeva. Tutto era caos. Mia madre, José, mio fratellino Sebastián, suo padre e me siamo andati via quella notte, camminando nel buio verso la Colombia. Abbiamo dovuto
attraversare la foresta e un fiume perché la dogana era cuisa. Non ho preso niente con me, sono arrivato a Cúcuta, in Colombia, con soltanto gli vestiti che indossavo.”

Jesús Daniel continua dicendo che a Cúcuta, la sua famiglia ha fortunatamente trovato persone che gli hanno aiutati. Una persona ha permesso loro di vivere in una piccola casa di legno che aveva abbandonata. I vicini gli hanno prestato due materassi e utensili da cucina

 

Non avevamo molto, ma almeno eravamo al sicuro

Jesús Daniel ha iniziato a frequentare la Chiesa del quartiere Talento nel gennaio 2019, pochi giorni dopo il suo arrivo a Cúcuta: "Il pastore Jaime è molto gentile; ci ha aiutati in molti modi. C'è un Centro di Compassione in Chiesa. La mia famiglia è stata scelta tra le 700 famiglie venezuelane che hanno ricevuto assistenza d'emergenza per tre mesi. E'stata una sorpresa per noi. Eravamo così grati che questa organizzazione voglia aiutarci attraverso la Chiesa".

Jesús Daniel e i suoi fratelli hanno comminiciato a frequentare corsi al centro. "Ho imparato cose importanti come evitare la droga e sull'amore di Dio. In Venezuela giocavo a calcio. Il centro mi ha permesso di riprendere a giocare a calcio con un allenatore. Sono stato persino selezionato per partecipare ad un torneo. Mi piace molto il calcio!".

 

 

Come parte del sostegno di Compassion, Jesús Daniel e i suoi fratelli ricevono un delizioso pasto tre volte alla settimana al centro. «"La maggior parte delle volte non abbiamo abbastanza cibo a casa, quindi è stato un supporto incredibile per noi." Sua madre è stata in grado di seguire un corso di formazione in manicure, che dovrebbe darle l’occasione di generare un reddito per la famiglia. "Oltre al cibo e gli allenamenti di calcio, abbiamo ricevuto assistenza medica, e molti bambini venezuelani come me ricevono amore al centro di Compassion."

In un momento in cui molti rifugiati venezuelani sono costretti a chiedere l'elemosina nelle varie città della Colombia, la famiglia di Jesús Daniel vede il futuro con la speranza.

 

"Mia madre pensa che avremo una vita migliore qui in Colombia. Grazie alla Chiesa ed a Compassione, abbiamo speranza e sappiamo che con l'aiuto di Dio, andremo avanti.»

 

testi e foto: Lina Alarcon

Jesús Daniel e tanti altri venezuelani hanno trovato la speranza in mezzo alla paura e all'incertezza, ma altri bisogni rimangono molto reali.