139 Bryan

Bryan

  • No SVG support
    Paese: Nicaragua
  • No SVG support
    Età: 9
  • No SVG support
    Genere : Bambino
Sostieni Bryan oggi

Come superare il disfattismo nei confronti della povertà in questo mondo?

11 Gennaio 2019

Dove eri e cosa stavi facendo vent'anni fa? All'epoca, nel 1999, quasi una persona su tre viveva in estrema povertà. Il 29% della popolazione mondiale viveva con meno di 1,25 dollari al giorno, troppo poco per coprire la maggior parte dei bisogni di base, come la scuola e le cure mediche per i propri figli.
Gli anni sono passati. E sai cosa? Il mondo sta cambiando più velocemente di quanto immaginiamo..

Oggi, «resta solo» il 9% della popolazione a vivere in condizioni di estrema povertà, disponendo di 1.90 CHF al giorno. Wow! Che progressi: dal 29% al 9%! In termini concreti, questo significa che il numero di persone che vivono in condizioni di estrema povertà è stato dimezzato!

 

Una visione totalmente falsa del nostro mondo

Nel suo libro Factfulness, Hans Rosling descrive in dettaglio la percezione di migliaia di persone che ha intervistato su argomenti diversi come l'aspettativa di vita, l'iscrizione scolastica delle ragazze, il tasso di vaccinazione dei bambini e il numero di persone che vivono in estrema povertà.

La conclusione della sua indagine è che in Occidente abbiamo una visione del mondo molto distorta.

Secondo Hans Rosling,

«agli occhi di ogni gruppo di persone che ho intervistato, il mondo sembra più spaventoso, più violento e più disperato – in breve, più drammatico - di quanto non sia in realtà.»

Ad esempio, quando il medico, accademico e statistico svedese ha chiesto se la popolazione mondiale che vive in estrema povertà è raddoppiata negli ultimi 20 anni, o sia rimasta la stessa o quasi dimezzata, solo il 5% delle persone ha saputo rispondere correttamente.

La distorsione tra loro e noi

Ma come spiegare la nostra errata percezione del mondo? Secondo Hans Rosling, è il nostro modo di vedere i ricchi e i poveri coinvolti:

«Riducendo il mondo a due scatole riduttive – povero e ricco - la nostra percezione è distorta.»

Molti di noi sono consapevoli della povertà nel mondo com'era negli anni '50 o '80, ma il mondo è cambiato. Non possiamo più semplicemente dire che noi in Europa e negli Stati Uniti siamo i ricchi e che la maggior parte dell'Africa, dell'America Latina o dell'Asia siano i poveri.

«L'idea di un mondo diviso con una maggioranza della popolazione bloccata nella miseria e nella privazione è un'illusione», afferma Rosling.

In effetti, la buona notizia è che la maggioranza della popolazione mondiale non vive più in condizioni di estrema povertà. Il 75% della popolazione mondiale vive in paesi a reddito medio.

Questa è una buona ragione per rallegrarsi. Ciò significa che innumerevoli madri e padri non sono più costretti a seppellire il loro bambino, tanto desiderato, prima del suo quinto compleanno. Significa anche che milioni di ragazze hanno uguale accesso all’istruzione.

 

Rallegrati e spera!

Quindi guardiamo lontano dalla nostra visione sbagliata del mondo. E diamo un'occhiata alla realtà statistica così com'è. Se non ci fermiamo e celebriamo i sorprendenti progressi che si sono verificati, se crediamo nella menzogna che tutto sta peggiorando sempre, perderemo la speranza. La povertà non è più inevitabile. Il cambiamento è possibile. È in movimento. E possiamo continuare a essere una piccola parte di questo processo.

Tuttavia, anche se solo il 9% della popolazione vive in condizioni di estrema povertà, rappresenta ancora un numero significativo di persone. Oggi si stima che 385 milioni di bambini al mondo vivano con meno di 1,90 CHF al giorno. Nonostante i significativi progressi, rimane un numero inaccettabile di bambini che non hanno la sicurezza, la salute e le opportunità di vita che meritano.

Alla luce di questa nuova speranza, di quanto è stato realizzato finora e della residua precarietà, propongo questo:

 

1. Siamo grati a Dio

Grazie a Dio per i milioni di neonati che, venticinque anni fa, non sono morti di dissenteria, malnutrizione o di altre malattie, e che oggi, hanno raggiunto l'età di cinque anni. Grazie a Dio per le milioni di studentesse accanto ai loro fratelli. Infine, grazie a Dio per il numero crescente di paesi le cui economie stanno crescendo a sufficienza in modo che intere sezioni della popolazione non vengano più continuamente ridotte a lottare per la sopravvivenza.

 

2. Educhiamo noi stessi

Recentemente ho viaggiato in Thailandia per un reportage sui rifugiati al confine con la Birmania. Vivono in profonda povertà. Al contrario, una grande maggioranza dei thailandesi si è liberata dalla povertà. Questo paese ha vissuto negli ultimi anni uno sviluppo incoraggiante. Poco prima, sono andato in Ghana. Sono stato sorpreso di vedere il buon livello di vita nella capitale Accra. Smettiamola di considerare «il resto del mondo» come povero e sottosviluppato!

 

3. Parliamone

 

Giustamente, rifiutiamo l'idea che sia inevitabile che 385 milioni di bambini continueranno a vivere in condizioni di estrema povertà. Senza istruzione, senza cure mediche, senza lavoro o opportunità professionali. Consapevoli dei progressi che abbiamo visto, vogliamo continuare a chiedere, sperare e pregare per un miglioramento in questa situazione.

La nostra corretta visione del mondo non ci rende indifferenti al 9% della popolazione che continua a vivere in condizioni di estrema povertà. Al contrario, risveglia in noi quella luce che ci spinge ad agire e a prendere la parte di questi bambini. Sapendo che un giorno la loro povertà potrebbe essere una cosa del passato.

Smettiamo di lasciarci trasportare dai pensieri fatalisti e disfattisti quando guardiamo al nostro pianeta. Le statistiche ci permettono di sperare.

Amber Van Schooneveld, Compassion Canada

Unisciti a noi in questa lotta contro il disfattismo
sostenendo un bambino!