Guilherme

Guilherme

  • No SVG support
    Paese: Brasilien
  • No SVG support
    Età: 7
  • No SVG support
    Genere : Bambino
Sostieni Guilherme oggi

Thailandia: Mali è stata abusata dal suo insegnante

All’inizio del 2018, Mali*, allora 13enne, è stata ripetutamente abusata sessualmente dal suo insegnante in un villaggio in Thailandia.

I tragici episodi sono avvenuti a scuola, un luogo dove i bambini dovrebbero sentirsi sicuri e liberi di fidarsi degli adulti.

Un amico della ragazza ha scoperto questo segreto e lo ha raccontato a una persona di fiducia, Suwachai, il direttore del centro per bambini dove Mali partecipa al programma di sostegno a distanza. 

Quando Suwacha ha saputo che la ragazza aveva subito degli abusi, ha deciso di portare il caso in tribunale. 

Il centro per bambini si trova in una regione montuosa molto remota della Thailandia, ma Compassion ha un fondo di emergenza per i bambini molto vulnerabili. Questo è stato in grado di finanziare le spese processuali e tutti i viaggi in città alla stazione di polizia e alle udienze in tribunale. Mali è stata immediatamente iscritta in una nuova scuola con pensione in una località lontana. La ragazza ora torna al villaggio una o due volte al mese, dove continua a partecipare alle attività del centro per bambini.

Dopo un processo di 18 mesi, Mali ha avuto ragione e il colpevole è stato condannato: “All’inizio del processo, è stato molto difficile con i vari interrogatori che erano necessari per portare avanti le indagini. È stato un anno difficile per lei e per tutti noi. Non era facile credere che i tribunali avrebbero anche solo preso sul serio una denuncia di persone provenienti da un contesto povero“, dice Suwachai.

Essere in grado di offrire un aiuto psicologico alla ragazza è stata un’altra sfida. La psicoterapia non è una pratica comune in Thailandia, né è supportata dal sistema sanitario. Inoltre, ci sono solo una manciata di professionisti specializzati in bambini, e lavorano nelle grandi città. Di conseguenza, i bambini delle regioni montuose non possono essere trattati a causa del viaggio e dei costi elevati. Fortunatamente, con il sostegno di Compassion, la terapia psicologica è stata comunque resa possibile per Mali.

Mali ha ritrovato la tranquillità. “Mi sento più sicura nella mia nuova scuola perché ho degli adulti che mi incoraggiano e mi amano costantemente. Mi sento tranquilla”, dice. “Ho la libertà di essere di nuovo una ragazza, di vivere la mia vita e di stare con i miei amici”. Mali comincia a credere di nuovo che anche lei ha diritto alla felicità come tutte le ragazze della sua età.

“Quest’anno ho potuto vedere in lei riscoprire la gioia di vivere. Si sta godendo di nuovo la vita come le altre ragazze della sua età. Possiamo vedere chiaramente che Dio lavora nel suo cuore”, dice Suwachai. “Invece di pensare di essere danneggiata per sempre dagli abusi che ha subito, Mali ora sa che la sua voce può essere ascoltata”. – “Quando succedono cose brutte, so che ho il diritto di parlare con gli adulti di cui mi fido. So che saranno sempre al mio fianco per sostenermi e incoraggiarmi”.

*nome cambiato per proteggere l’identità.

Il sostegno a distanza ha dato la possibilità a Mali di ricevere aiuto legale e una protezione duratura.